IL BLOG DI UOMINI E TRASPORTI

Uso del tachigrafo

29 giugno 2016

Cosa deve verificare l’autotrasportatore dopo aver fatto eseguire la taratura del tachigrafo?
Ogni quanto deve essere revisionato il tachigrafo?


Il titolare/conducente deve assicurarsi, dopo la taratura, dell’effettiva piombatura del KITAS (sensore a impulsi) e dei dati contenuti nell’attestato di taratura.
Il KITAS si trova nella parte posteriore del cambio e pertanto la verifica va svolta ponendosi al di sotto del veicolo. In particolare, la piombatura è costituita da un filo che passa tra il foro della linguetta del KITAS e il foro sul cambio e un «piombo» con il codice dell’officina. Tale codice deve essere riscontrato nel tabulato emesso dal tachigrafo alla voce «dati telaio».


Il tachigrafo deve essere controllato ogni 2 anni dalle officine autorizzate. L’attestazione dell’avvenuto controllo deve essere esibita in occasione della revisione stradale.
• Riferimento legislativo: Legge 35/2012 art. 11 c. 9.

 

Per maggiori informazioni scrivici

In collaborazione con VDO www.fleet.vdo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Uomini e Trasporti