IL BLOG DI UOMINI E TRASPORTI

Il tempo di impegno in caso di lavoro notturno

17 marzo 2017

Ci scrive Claudio G. di Verona per porre due domande molto precise a proposito di lavoro notturno.

- Quali sono le condizioni che impongono la riduzione a 10 ore di impegno nel caso si effettui un'attività lavorativa notturna tra le ore 00:00 e le 07:00?

- È sufficiente guidare o lavorare solo qualche minuto all'interno della fascia oraria notturna oppure ci sono condizioni specifiche che fanno scattare a 10 ore la riduzione dell'impegno giornaliero?

Si considera "lavoro notturno" quando un conducente lavora (guida + svolge altre mansioni) per 4 ore consecutive tra le 00.00 e le 07.00. Pertanto non devono esserci 4 ore di lavoro consecutive.

ESEMPIO: se il conducente inizia a guidare o a fare altre mansioni alle 03.01 non sarà sottoposto alle regole del lavoro notturno (infatti dalle 3.01 alle 07.00 non ci sono 4 ore di lavoro) così come se interrompe, con una pausa anche inferiore a 45minuti o a 15 minuti o a 30 minuti, prima del raggiungimento di 4 ore di lavoro.

ATTENZIONE: non è corretto parlare di 10 ore di impegno. La norma si riferisce a 10 ore di lavoro ovvero la somma tra guida e altre mansioni (le pause non entrano nel conteggio delle 10 ore).

CURIOSITA': le 4 ore consecutive di lavoro valgono per l'Italia; in altri Stati la regola delle ore svolte tra le 00.00 e le 07.00 è diversa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – Uomini e Trasporti