Ore di impegno

27/05/2016

DVorrei capire le 15 ore di impegno quando si possono fare.
v.
RLe ore di impegno non sono definite nella normativa sui tempi di guida e riposo. L'impegno (chiamato in gergo) scaturisce dall'obbligo di svolgere il periodo di riposo giornaliero.
La normativa prevede infatti che entro 24 ore dal termine del riposo giornaliero precedente (ovvero da quando il conducente inizia l'attività di guida), il conducente deve completare un nuovo riposo giornaliero di 11 ore consecutive (riposo regolare) che può essere ridotto a 9 ore consecutive 3 volte la settimana (riposo ridotto) oppure sostituito da 2 periodi di 3 ore + 9 ore (riposo frazionato).
Da questa semplice regola scaturisce l'impegno:

24 ore - 11 ore di riposo consecutive (riposo regolare) = 13 ore di impegno
24 ore - 9 ore di riposo consecutive (massimo 3 volte) (riposo ridotto) = 15 ore di impegno
24 ore - 3 ore di riposo durante il giorno + 9 ore di riposo consecutive =(riposo frazionato) corrisponde sempre ad un impegno di 15 ore di impegno visto che le prime 3 ore spesso e volentieri vengono svolte nei pressi dei luoghi di carico e scarico. Tale modalità può essere svolta anche tutti i giorni della settimana visto che sostituisce il riposo di 11 ore consecutive.

UeT BLOG

La strada è fatta di asfalto e di veicoli che ci viaggiano sopra. Ma è fatta anche di parole che esprimono problemi, interessi, punti di vista. Parole a cui dedichiamo questo spazio che ognuno di voi può riempire. Perché sia una buona strada!

COSTI DI
ESERCIZIO

L’evoluzione dei costi chilometrici, distinti per settori e percorrenze: uno strumento essenziale per preventivi e rinnovi contrattuali.

BACHECA
DEGLI ANNUNCI

Veicoli e attrezzature da vendere/acquistare, un servizio da offrire, un lavoro da cercare: un luogo di scambio lungo la supply chain.

DOMANDE
E RISPOSTE

Soluzioni pratiche ai dubbi che nascono nelle quotidiane amministrazioni di un’impresa di autotrasporto: le FAQ per la gestione aziendale.