Periodi di guida

21/06/2016

DIo di mestiere faccio l'autista, e in seguito a diverse discussioni con dei colleghi ho una domanda per la vostra rubrica pillole del tachigrafo.
Se per esempio: io parto con il mio camion lunedì mattina alle 6 e mi trovo a finire le mie 10 ore di guida alle ore 18, quante ore di pausa posso fare?
Dei colleghi affermano che facendo 9 ore di pausa, quindi ripartendo martedì alle ore 3, non sono in regola.
Mi potete aiutare in questa mio dilemma? O.U.
RLa definizione di periodo di guida giornaliero è: «il periodo complessivo di guida tra la fine di un riposo e l'inizio di uno nuovo (giornaliero o settimanale) senza alcun riferimento alle 24 ore».
Pertanto, al termine di un riposo giornaliero regolare (11 ore) oppure ridotto (9 ore) il conducente può iniziare un nuovo periodo di guida anche se non sono terminate le 24 ore.
Quindi, con riferimento all'esempio, il conducente alle ore 3 del mattino può ripartire.
Si ribadisce che solo il riposo giornaliero è rapportato alle 24 ore. Ciò significa che entro 24 ore il conducente deve aver completato un nuovo riposo giornaliero.

UeT BLOG

La strada è fatta di asfalto e di veicoli che ci viaggiano sopra. Ma è fatta anche di parole che esprimono problemi, interessi, punti di vista. Parole a cui dedichiamo questo spazio che ognuno di voi può riempire. Perché sia una buona strada!

COSTI DI
ESERCIZIO

L’evoluzione dei costi chilometrici, distinti per settori e percorrenze: uno strumento essenziale per preventivi e rinnovi contrattuali.

BACHECA
DEGLI ANNUNCI

Veicoli e attrezzature da vendere/acquistare, un servizio da offrire, un lavoro da cercare: un luogo di scambio lungo la supply chain.

DOMANDE
E RISPOSTE

Soluzioni pratiche ai dubbi che nascono nelle quotidiane amministrazioni di un’impresa di autotrasporto: le FAQ per la gestione aziendale.