Modulo assenze

22/11/2016

DSalve, sono un vostro lettore da qualche tempo, vi scrivo dalla Provincia di Modena, in merito all'articolo riguardante l'abrogazione della obbligatorietà del cosiddetto Modulo Assenze. Ho letto con interesse l'articolo e colgo l'occasione per chiedervi alcuni approfondimenti su questo argomento e su altri dubbi ad esso legati, riguardo ai quali fino ad ora non ho trovato nessuno sufficientemente formato e informato.
Da quanto ho capito il modulo non è più obbligatorio ma resta comunque l'obbligo dell'autista di produrre in qualche modo un giustificativo (cartaceo o digitale) per le ore che non vengono registrate su foglio di registrazione (dischetto) o carta tachigrafica attraverso il tachigrafo (rispettivamente analogico o digitale).
Quindi se non produco il modulo assenze (ad esempio dopo una settimana di ferie) devo inserire manualmente nel tach. digit. l'attività di riposo (lettino) per tutte le ore trascorse dall'estrazione della carta al suo reinserimento. E viceversa..... quindi la novità sta (se ho capito bene) nella libertà di scelta del "giustificativo".
Personalmente mi verrebbe da dire che è forse più semplice compilare il modulo assenze; è soltanto un mio punto di vista ma sembrerebbe tecnicamente e giuridicamente possibile... Giusto? Quindi dopo una settimana di ferie potrei salire sul mezzo, inserire la scheda e iniziare a guidare senza introdurre manualmente alcuna attività, ma il tachigrafo mi segnerebbe oltre 200 ore di "?" (cioè periodo in cui sulla carta non viene registrata alcuna attività) e ultimamente si sente dire che "sono 58 euro di multa ogni punto interrogativo" (anche qui se foste così gentili da darmi un chiarimento....). Se invece il modulo assenze vale come coperture di tutte quelle ore di "?", allora vi chiedo se è possibile utilizzare quel modulo o qualche altro strumento per giustificare i "?".
E vengo al dunque:
la mia mansione prevede l'utilizzo di vari automezzi nell'arco della giornata (2 o tre ore di guida), intervallati da periodi di lavoro LONTANO DAI MEZZI STESSI (COSA CHE MI OBBLIGA AD ESTRARRE continuamente la scheda e reinserirla dopo periodi più o meno lunghi, con relativo inserimento manuale delle attività. In più, La estraggo ogni sera a la inserisco la mattina , poi la estraggo a mezzogiorno e la reinserisco alle 14..... (poiché non so mai quale sarà la mansione che mi verrà affidata al mio rientro al mattino e alle 14, né il mezzo che guiderò, non posso certo lasciarla in "lettino" sull'ultimo mezzo utilizzato, anche perché nel frattempo lo utilizzano altri.... e ciò vale anche per i miei continui cambi di veicolo o mansione.
Così si passa più tempo al tachigrafo che al volante...
Non ultimo (problema che mi sembra irrisolvibile ma di cui nessuno parla, ma forse capiterà solo a me....), tra una estrazione e un reinserimento , puo capitare di GUIDARE UN MEZZO CON TACHIGRAFO ANALOGICO (TRADIZIONALE A DISCHETTI CARTACEI)!
Purtroppo fra le possibili attività che posso inserire manualmente nel Tach, Digit., questa non è contemplata!!! quindi come la segno?
io direi "martelletti" (non posso certo segnare "lettino" avendo poi l'obbligo di presentare sia tessera che dischetti si evincerebbe che avrei segnato più pausa di quella reale....). Potete aiutarmi? Grazie
RBuongiorno
Proviamo a rispondere ai suoi quesiti.A ogni inserimento della carta tachigrafica bisogna registrare le attività svolte lontano dal veicolo, vale a dire altre mansioni/lettino riposo.
Tutto ciò per evitare che il tachigrafo registri “attività non giustificate” evidenziate con il “?”
Nel caso in cui tra un uso di un veicolo dotato di tachigrafo digitale e l’altro venga utilizzato un veicolo con tachigrafo analogico è corretto registrare sulla carta tachigrafica “altre mansioni”, in quanto l’attività di guida sarà giustificata dalla presenza del disco.
Con riferimento sulla settimana di ferie, è corretto registrare nel tachigrafo digitale l’attività “riposo”.
Si conferma che la presenza di “?” è sanzionata con 51 euro ai sensi della legge 727/1978 (uso non corretto del tachigrafo).

UeT BLOG

La strada è fatta di asfalto e di veicoli che ci viaggiano sopra. Ma è fatta anche di parole che esprimono problemi, interessi, punti di vista. Parole a cui dedichiamo questo spazio che ognuno di voi può riempire. Perché sia una buona strada!

COSTI DI
ESERCIZIO

L’evoluzione dei costi chilometrici, distinti per settori e percorrenze: uno strumento essenziale per preventivi e rinnovi contrattuali.

BACHECA
DEGLI ANNUNCI

Veicoli e attrezzature da vendere/acquistare, un servizio da offrire, un lavoro da cercare: un luogo di scambio lungo la supply chain.

DOMANDE
E RISPOSTE

Soluzioni pratiche ai dubbi che nascono nelle quotidiane amministrazioni di un’impresa di autotrasporto: le FAQ per la gestione aziendale.