FINANZA E MERCATO

Franchini (CNA-Fita):

14 agosto 2012
Nuovo aumento delle accise per il gasolio. L'ennesimo e fin troppo consistente. È vero che l'autotrasporto se lo vedrà rimborsato, ma intanto deve pagarlo con denaro sonante, che di questi tempi come si sa scarseggia. Ecco perché la cosa ha mandato su tutte le furie la presidente della CNA-Fita, Cinzia Franchini, che ha definito la misura "irresponsabile" da parte dell'Esecutivo che l'ha varata e "intollerabile" per chi sulla strada lavora ogni giorno. “Con il caro gasolio – ha spiegato Cinzia Franchini – si sta dando il definitivo colpo di grazia alle aziende di trasporto italiane costrette ad un prezzo del carburante fuori mercato e superiore alle quotazioni medie europee".
Ma non si tratta soltato di un generico lamento. La presidente della CNA-Fita ha anche annunciato un esposto alla Commissione europea per la soppressione di tutte le accise scadute che violano il principio per cui ogni imposta di scopo (come le accise) deve necessariamente avere una data di entrata in vigore ma, anche una data di scadenza che puntualmente però nessuno rispetta trasformando il balzello di stato in una condanna a vita”. 
Infine Franchini ha anche ribadito come è ormai inderogabile il recepimento da parte del Governo Monti della proposta di sterilizzazione dell’iva sulle accise, che consentirebbe almeno di eliminare la vergogna delle tasse sulle tasse. E a questo scopo ha chiesto un incontro urgente con i sottosegretari Improta e De Vincenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home