UFFICIO TRAFFICO

Doppia scadenza per il rinnovo delle autorizzazioni ai trasporti internazionali

4 settembre 2012
Tempi di scadenza per chi opera nei trasporti internazionali.
Il 30 settembre 2012, infatti, scade il termine per la presentazione delle domande di rinnovo e conversione in assegnazione fissa delle autorizzazioni per trasporti in Paesi extracomunitari.
Il 31 ottobre 2012 è invece il termine ultimo per presentare le domande di rinnovo e di graduatoria CEMT per l’anno 2013. Da segnalare che le domande quest’anno dovranno essere corredate dalla dichiarazione integrativa per l’accesso alla professione.
Per il resto i criteri dell’attribuzione delle autorizzazione rimane la stessa degli anni precedenti. Così per la graduatoria CEMT possono presentare domanda sia le imprese già titolari di CEMT sia quelle che abbiano effettuato almeno 11 viaggi in Paesi extraUE nel periodo gennaio-novembre, con una media di un viaggio al mese, sia l’impresa che non abbia ottenuto rinnovo rispetto a uno o più permessi multilaterali, che di conseguenza si vedrà ammessa con un punteggio ridotto.
Per il rinnovo CEMT bisogna invece aver effettuato almeno 11 percorsi nei primi 11 mesi dell’anno con il permesso CEMT.
Per il rinnovo dell’assegnazione fissa servono almeno 24 viaggi effettuati per relazione di traffico (media 2 viaggi/mese) da ottobre 2011 a settembre 2012. Le autorizzazioni bilaterali utilizzate nel 2012 saranno considerate ai fini del rinnovo o della conversione soltanto se restituite al ministero delle Infrastrutture e Trasporti entro e non oltre il 15 ottobre. Mentre la restituzione dei fogli contenuti nei Libretti di viaggio utilizzati, ai fini del rinnovo delle autorizzazioni multilaterali CEMT e per la graduatoria CEMT va fatta entro il 14 dicembre 2012.
Tutti coloro che non dispongono di tali requisiti per ottenere assegnazioni possono presentare domande per l’ottenimento di autorizzazioni a titolo precario per l’anno 2013 a partire dal 15 dicembre 2012 e successivamente laddove se ne presenti la necessità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home