UFFICIO TRAFFICO

28 milioni di euro dall'Europa per finanziare infrastrutture in Italia

12 settembre 2012
Sono una boccata di ossigeno: per l’economia, ma anche per i trasporti. Parliamo delle nuove opere infrastrutturali rese possibili dai finanziamenti europei che la Commissione ha stanziato in questi giorni. Al nostro paese arriveranno qualcosa meno di 28 milioni di euro per portare a termine sei strade nazionali e quattro transnazionali riferite alle reti TEN-T.
Più precisamente 5 milioni di euro serviranno a realizzare un tunnel ferroviario e uno stradale per permettere il passaggio dell’alta velocità a Treviglio, altri 5 finiranno al nodo di Genova per i lavori a Voltri e alla giunzione S.Limbania-Campasso.  Sempre 5 milioni saranno spesi per migliorare il sistema di sicurezza e di gestione del traffico del nodo di Milano e ulteriori 2,3 milioni saranno messi a frutto per costruire la bretella tra il nodo di Bologna e la linea per Venezia.
Inoltre, come Uomini e Trasporti ha già riferito, 770 mila euro vengono stanziati per formulare gli studi preliminari per aumentare le capacità del porto di Venezia, mentre 550mila euro vanno a finanziare la costruzione di una bretella ferroviaria tra i terminal 1 e 2 dell’aeroporto di Milano Malpensa.
Bruxelles destinerà inoltre 1,844 milioni di euro al progetto di Italia, Spagna e Slovenia per l’uso di tecnologie verdi nei terminal portuali (interessa il porto di Livorno), 1,814 e 3,864 milioni per i progetti legati al coordinamento del controllo e alla gestione del traffico aereo (interessa l’Enav), 1,692 milioni per finanziare gli studi utili alla realizzazione del famoso corridoio merci n.6 tra Spagna e Ungheria, che passa per Lione, Torino, Genova, Milano e Venezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home