LEGGI E POLITICA

L’Emilia Romagna approva una legge antimafia

25 maggio 2011

Le infiltrazioni mafiose in Emilia Romagna sono sempre più numerose, in particolare nel settore dell’autotrasporto, dove la presenza di realtà attive con metodi e prezzi “sospetti” è stata più frequente. Anche per questo l’Assemblea regionale ha approvato una legge regionale finalizzata a prevenire il crimine organizzato. È stata approvata lo scorso 23 maggio con la quasi unanimità (astensione della sola Lega Nord) e prevede:

-          la realizzazione di programmi di formazione, da realizzare nelle scuole, nelle Università e negli uffici pubblici;

-          la creazione di un Osservatorio regionale sul crimine organizzato;

-          l’istituzione del 21 marzo come Giornata regionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie;

-          il sostegno alle vittime dei reati di mafia;

-          la possibilità della Giunta di costituirsi in giudizio nei procedimenti penali.

Ricordiamo che in base all’ultimo rapporto annuale della Direzione nazionale antimafia le organizzazioni criminali più diffuse in Emilia Romagna sono i casalesi e la ‘ndrangheta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home