LOGISTICA

Pordenone: l'interporto avrà il raccordo alla rete ferroviaria

9 ottobre 2012
Adesso sembra proprio ufficiale: l’interporto di Pordenone avrà il raccordo con la rete ferroviaria. O per dirla meglio, adesso diventerà veramente un interporto. Perché una struttura, seppure modernissima e attrezzata di magazzini, centro doganale e tutto quanto serve per inanellare ogni attività lungo la catena logistica, serve a poco se svolge quel passaggio da una modalità di trasporto a un’altra, funzione essenziale di un interporto.
A dire l’annuncio è stato il presidente di Unindustria, Michelangelo Agrusti, che nell’occasione ha anche ringraziato quanti si sono adoperati – e tra questi in prima fila l’europarlamentare Debora Serracchiani, che i giorni scorsi aveva incontrato l'ad di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti – per raggiungere tale risultato.
«La lentezza burocratica dei rapporti con Rfi - ha spiegato Agrusti - aveva impedito finora di completare l’opera con il collegamento. Ora la trattativa si è disincagliata e questo obiettivo finalmente è stato raggiunto».
Certo, la soluzione è essenzialmente tecnica e adesso bisognerà affrontare la faccenda anche dal punto di vista economico. Dopo aver ottenuto la concreta possibilità di collegare interporto e rete, ora si andranno ad affrontare le questioni legate alla determinazione del canone annuale per usufruire dell’infrastruttura e il quantitativo minimo di merci per giustificare l’attivazione del raccordo.
Ma intanto il passo essenziale è stato compiuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home