LEGGI E POLITICA

Già ieri era spuntata l'ipotesi di un rinvio alla Corte di Giustizia UE, ma oggi non se n'è fatta menzione

25 ottobre 2012
Cosa deciderà il TAR del Lazio? Non si sa ancora, ma qualcuno (appartenenti a quelli che si includono tra le fonti ben informate), scommetteva su un rinvio, almeno per ciò che riguarda il merito, alla Corte di Giustizia europea. La base con cui argomentare tale ipotesi era la richiesta di informazioni giunte da Bruxelles al governo italiano, che faceva pensare all’apertura di un’inchiesta in materia.
Si tratta di un’ipotesi sensata? A dire il vero oggi di Europa all’interno dell’aula del TAR si è parlato ben poco. Soltanto un avvocato della Grande Distribuzione a un certo punto ha fatto riferimento al fatto che, per quanto si ragionasse nei nostri cortili nazionali, poi c’era sempre da fare i conti con quella che ha definito la “scure” europea. E lì sono stati tirati in ballo i carteggi citati tra Roma e Bruxelles.
Argomento a cui gli avvocati degli autotrasportatori – e in particolare Zunarelli – hanno replicato facendo presente che in realtà i chiarimenti non erano relativi a questa vicenda, ma soltanto per ciò che attiene al cabotaggio e alla maniera con cui considerare la tratta internazionale dei trasporti che iniziano o si concludono in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home