LEGGI E POLITICA

Il TAR Lazio respinge la richiesta di sospensiva. I costi minimi (per ora) sono salvi

26 ottobre 2012
Alla fine il TAR ha deciso prima di quanto previsto. Già stamattina è giunta infatti la notizia che i diversi ricorsi finalizzati a chiedere la sospensiva delle determinazioni con cui l’Osservatorio fissava i costi minimi di esercizio che garantiscono il rispetto dei parametri di sicurezza è stata respinta.
Molto sinteticamente il Tribunale amministrativo ha valutato che quello della sicurezza nell’autotrasporto sia un interesse prevalente.
Più precisamente il TAR, considerata la complessità delle questioni introdotte con il ricorso e la natura degli interessi involti e visto pure che la causa avrà anche un seguito relativamente alla decisione di merito, ha «ritenuto che, anche in una prospettiva di bilanciamento degli interessi in questione, il pregiudizio lamentato dai ricorrenti non è tale da giustificare l’adozione della richiesta misura cautelare, a fronte della dichiarata finalizzazione dei provvedimenti impugnati alla salvaguardia del prevalente interesse generale alla sicurezza nel settore dell’autotrasporto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home