UFFICIO TRAFFICO

Da gennaio 2013 scatta una piccola rivoluzione nelle patenti

2 novembre 2012
Dal prossimo gennaio 2013 entrerà in vigore la direttiva UE 2006/126 in materia di patenti di guida, recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 59 del 18 aprile 2011, con cui si rivoluziona in parte il sistema di classificazione delle patenti di guida, integrandola con le nuove categorie “C1” e C1E.
La prima - C1abilita chi ha compiuto 18 anni alla guida di veicoli di massa superiore alle 3,5 ton e fino a 7,5 ton, ai quali può essere agganciato un rimorchio di massa massima non superiore a 750 Kg.
La seconda – C1Eabilita sempre chi ha compiuto 18 anni alla guida di complessi veicolari, formati da una motrice che rientra nella categoria C1 e da un rimorchio o da un semirimorchio di peso superiore a 750 Kg, purché la massa del complesso non superi le 12 ton (nuovo art.116, comma 3, lett. i del c.d.s).
Per le patenti di categoria “C” e “CE”, il nuovo art. 115, comma 1, lett. e) del c.d.s fissa l’età minima per il conseguimento a 21 anni. A questo proposito, la Direzione generale per la motorizzazione del ministero dei Trasporti fa sapere (con una circolare del 18 Ottobre) che, su parere della Commissione UE, tutte le patenti rilasciate dagli Stati membri a partire dal 19 gennaio prossimo devono conformarsi ai nuovi requisiti di età previsti dalla direttiva. Questo significa che anche chi ha intrapreso l’iter utile per conseguire la patente prima del 19 gennaio, ricadrà nel nuovo assetto normativo.
Di conseguenza, ai minori di 21 anni a partire dal 19 gennaio verranno rilasciate soltanto patenti delle categorie riferibili a tale età, vale a dire la C1 e la C1E.
È molto probabile che, visto le modifiche apportate dal Parlamento al decreto legislativo 59/2011, il ministero tornerà nuovamente sulla questione.  Non mancheremo di informarvi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home