LEGGI E POLITICA

1194: le persone “graziate” dai costi minimi

19 novembre 2012
Bisogna dare atto a Fai-Conftrasporto di sfruttare tutti gli strumenti possibili per tutelare la categoria. In occasione delle ultime due udienze del TAR l’associazione aderente a Unatras ha acquistato una pagina su alcuni quotidiani (tra cui, ovviamente, quello edito dal ricorrente primario, vale a dire Il Sole 24 Ore) per costruire un argine all’offensiva in atto contro i costi minimi.
L’ultimo era fatto di numeri: sono 1194 gli autotrasportatori che devono dire grazie alla legge sui costi minimi. Dalle rilevazioni Istat sugli incidenti stradali, infatti, appare evidente come il numero dei conducenti e dei passeggeri di autocarri e motocarri feriti sia passato da 10.144 nel 2010 a 8.961 nel 2011 con un calo di oltre l’11%, nettamente superiore al risultato conseguito complessivamente da tutti i mezzi di trasporto, passato da 281.368 a 270.916. Si potrà dire che non tutti i “risparmiati” dalla strada siano stati graziati dall’83 bis, ma anche fossero soltanto un migliaio non sarebbe certo un sufficiente motivo per eliminare questa norma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home