LEGGI E POLITICA

Autotrasporto: ecco come saranno destinati i 400 milioni per il settore

13 dicembre 2012
Arriva una fumata bianca dall’incontro di ieri tra governo e associazioni di categoria. Al centro dell’incontro, come anticipato, la destinazione dei 400 milioni a favore dell’autotrasporto. I «rivoli» verso cui convogliare questo denaro sono stati individuati andando a rivedere al ribasso gli stanziamenti degli anni precedenti, tenuto conto dell'effettivo tiraggio e quindi relativamente alle voci relativo al rimborso del Servizio sanitario nazionale e alle spese non documentabili). In concreto, quindi, questa è la ripartizione, che attende soltanto l’emanazione dei relativi decreti attuativi, prevista comunque già nei prossimi giorni:
- pedaggi       150 milioni di euro (lo scorso anno erano 102,6);
- Inail               91 milioni di euro (lo scorso anno era identica, con 82 milioni destinati ai dipendenti e 9 agli artigiani;
- rimborso SSN sui premi RC Auto e spese non documentabili 89 milioni (lo scorso anno erano 135 milioni);
- formazione    20 milioni (lo scorso anno erano 15 milioni);
- investimenti    50 milioni. Quest’ultima voce, peraltro ancora generica, lo scorso anno non esisteva, ma di fatto assorbe i soldi che invece erano stanziati per l’ecobonus (30 milioni che non viene riproposto, anche in attesa della decisione della Commissione europea) e per compensare gli oneri finanziari necessari per attuare la trimestralizzazione del rimborso delle accise sul gasolio (26,4 milioni).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home