ACQUISTI

Veicoli commerciali all’esame EuroNCAP

27 dicembre 2012
Nella tornata di crash test dell’ente EuroNCAP e pubblicati a dicembre, sono compresi anche alcuni modelli di veicoli commerciali: Il nuovo Ford Transit Custom, lo Hyundai H-1, il “trio” italo francese Fiat Scudo-Citroen Jumpy-Peugeot Expert, e infine il Renault Trafic.

L’ente europeo che si occupa della sicurezza ha scelto di effettuare i crash test con le versioni passeggeri, svolgendo anche i test per i bambini e compiendo le considerazioni sulla protezione dei pedoni in caso il veicolo investa qualcuno. Insomma, esattamente come fosse un’autovettura. Forse sarebbe opportuno che venisse studiato un test specifico per i veicoli per il trasporto merci, ma è già interessante poter avere i risultati relativi alle versioni passeggeri. Per chi è interessato esclusivamente alle versioni merci, c’è la possibilità di tenere conto dei dati relativi ai posti anteriori. I test effettuati sono tre: contro una barriera frontale, un urto laterale contro una barriera che simula un’auto, e un urto laterale contro un palo. Questi i risultati diffusi.

FORD TRANSIT CUSTOM (2.2 diesel Trend Kombi)
Complimenti alla Ford: il suo nuovo modello si è comportato in maniera impeccabile, da fare invidia a molte auto. Il giudizio complessivo è stato così di 5 stelle, con valutazioni molto elevate in tutte quattro le votazioni del test EuroNCAP.
Nella protezione degli adulti, nei crash test frontale e laterali, il nuovo Transit ha ottenuto l’84% del punteggio massimo ottenibile. Ancora migliore è stato il comportamento per quanto riguarda la protezione dei bambini, in cui esito è stato al 90%. Discreta la valutazione per ciò che riguarda la protezione dei pedoni, con il 48%, mentre al 71% è stato l’esito relativo alle dotazioni di sicurezza.
Nell’urto frontale la protezione è stata buona; soltanto la plancia ha mostrato di poter creare dei pericoli. Ottimo è stato il comportamento negli urti laterali, non buono invece il giudizio sulla capacità di proteggere in caso di tamponamento. Gli “esaminatori” dell’EuroNCAP hanno positivamente osservato che il Transit è dotato di controllo elettronico della stabilità.

FIAT SCUDO - CITROËN JUMPY – PEUGEOT EXPERT
Ovviamente dei tre è stato testato solo un veicolo (un Fiat Scudo, per essere precisi) dato che sono esattamente uguali. L’esito non è stato dei migliori ma comunque non è scaduto sotto le tre stelle. La valutazione più alta è stata quella ottenuta per la protezione dei bambini a bordo (86%), mentre per gli adulti l’esito non è stato dei più alti (59%). Va però detto che la votazione “corta” dipende anche dal fatto che il test laterale non è stato neanche effettuato, dato che non sono previsti gli airbag laterali per la testa. Solo il 26% ciascuna le votazioni sulla protezione dei pedoni e sulla dotazione di sicurezza.

HYUNDAI H-1
Il van Hyundai, anch’esso testato nella configurazione passeggeri, ha avuto valutazioni più omogenee tra loro. Per gli adulti ha ottenuto il 55% del punteggio massimo; il 75% per il comportamento nei confronti dei bambini; il 34% per i pedoni e il 43% per la dotazione di sicurezza. Nell’urto frontale la protezione è risultata buona, con qualche rischio provocato dai danneggiamenti alla plancia. Anche per il van Hyundai il test contro il palo non è stato effettuato non essendo previsto l’equipaggiamento con l’airbag per la testa. Non buona la protezione nei tamponamenti. Criticata è stata l’assenza di un efficace sistema di reminder per l’allacciamento delle cinture.

RENAULT TRAFIC
Il modello medio Renault non è stato giudicato bene. L’esito riassuntivo è stato solo di 2 stelle. Molto è dipeso dalla povertà dell’equipaggiamento di sicurezza, che gli ha fatto avere solo il 14% del punteggio possibile. Meglio è stato l’esito del test per quanto riguarda la protezione degli adulti (58%, un solo punto in meno del “trio Fiat-Citroën-Peugeot. Meglio di altri van è stato il giudizio sulla protezione dei pedoni. Scarsa la protezione anche in caso di tamponamento.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home