FINANZA E MERCATO

155 milioni di contributi INAIL per incentivare la sicurezza: dal 15 gennaio le domande online

28 dicembre 2012
Oltre 155 milioni di euro in incentivi alle imprese per interventi in favore della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. È l'impegno finanziario dell'Inail per il nuovo bando 2012, scaricabile online, composto da 146,25 milioni di risorse destinate a progetti di investimento strutturali, all'acquisto di macchinari e all'adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato, e da 9,1 milioni trasferiti dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per l'adozione di modelli organizzativi di gestione della sicurezza, in base a quanto stabilito dall'articolo 11 del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza.
Tutte risorse, sottolineano all'Inail, non occasionali, ma parte di un progetto di sostegno alle imprese che "va avanti da anni e continuerà''. Dal 2010 al 2014, infatti, ''l'intero ammontare degli incentivi Inail supererà i 750 milioni di euro e, trattandosi di un cofinanziamento al 50%, il volume finanziario movimentato complessivamente per interventi a favore della salute e sicurezza sul lavoro sarà superiore a un miliardo e mezzo di euro''.
Il contributo massimo erogabile per ogni progetto è pari a 100 mila euro, quello minimo a cinquemila, e per i progetti che comportano contributi superiori a 30 mila euro è possibile chiedere un'anticipazione pari al 50%. Tra il 15 gennaio e il 14 marzo 2013 le imprese potranno inserire la domanda online, nell'area Punto Cliente sul portale dell'Inail.
Dopo il 18 marzo le imprese la cui domanda abbia raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità, pari a 120 punti, potranno accedere al sito per ottenere un codice identificativo, utile per inoltrare le domande online quando si aprirà lo sportello informatico nei giorni che l'Inail comunicherà a partire dall'8 aprile 2013. A quel punto tutte le domande inoltrate saranno pubblicate sul portale Inail in ordine cronologico, segnalando quelle posizionate meglio per accedere al contributo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home