UFFICIO TRAFFICO

Casello per casello, ecco gli aumenti dei pedaggi autostradali

9 gennaio 2013
Fanno eccezione soltanto quattro concessionarie autostradali, quelle a cui il ministero delle Infrastrutture e Trasporti e dell’Economia non ha consentito l’adeguamento delle tariffe proposto sulla propria rete. Sono la Brescia-Verona-Vicenza-Padova, la Satap A4 , la Satap A21 e la Sat. Quattro «no» che peraltro hanno suscitato la protesta di Aiscat che ha minacciato di presentare ricorso allo stesso ministero.
Per il resto, tranne le autostrade siciliane, tutte le altre concessionarie hanno ritoccato i loro pedaggi. Già la scorsa settimana avevamo preannunciato un aumento medio del 3,91%. Ma molti lettori ci hanno chiesto un quadro completo della situazione. Eccoli esauditi con questo elenco, costruito in ordine decrescente e rispetto al quale bisogna comunque tener conto che Autostrade per l’Italia, Ativa e la Milano-Serravalle vi compaiono con una percentuale di aumento che è stata in realtà ridotta rispetto a quelle inizialmente presentata.    

DOVE IL CASELLO RISERVA LE SORPRESE PIÙ SALATE
RAV – Raccordo Autostradale Valle D’Aosta S.p.A.   +14,44%
CAV S.p.A. – Passante Mestre                                       +13,55%
CAV S.p.A.- Tratte autostradali A4                                  +13,19%
Autovie Venete S.p.A.                                                        +12,63%
SAV – Autostrade Valdostane S.p.A.                              +11,55%
Strada Dei Parchi S.p.a.                                                      +7,56%
Autocamionale della Cisa S.p.A                                        +7,39%
Asti Cuneo S.p.a.                                                                  +7,20%
SITAF – barriera di Avigliana                                              +6,65%
SITAF – barriera di Salbertrand                                         +6,15%
Autostrade Centropadane S.p.A.                                       +5,66%
SITAF – barriera di Bruere                                                   +4,90%
SALT – Autostrada Ligure – Toscana S.p.A.                    +3,93%
Autostrada dei Fiori S.p.A                                                     +3,70%
Tangenziale Napoli S.p.A                                                     +3,59%
Autostrade per l’Italia S.p.a                                                  +3,47%
Torino-Savona S.p.A                                                              +2,24%
Autostrada del Brennero S.p.A                                             +1,21%
Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A.                      +1,16%
ATIVA – Autostrada Torino – Ivrea – Valle D’Aosta S.p.A +0,82%
Consorzio Autostrade Siciliane                                            +0,00%

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home