ACQUISTI

DAF propone il suo LF in versione ibrida

19 gennaio 2013
Sono diversi anni che il mondo dell’automobile ha preso confidenza con le motorizzazioni ibride. Il modello antesignano è stata la Toyota Prius e ora sono diverse le vetture che funzionano un po’ con motore termico e un po’ con un’unità elettrica. Per quanto riguarda i veicoli per trasporto merci questa modalità sinora è stata una sorta di Cenerentola (con qualche illustre eccezione). Ora però i modelli a trazione ibrida cominciano a essere diversi e non più a prezzi insopportabili.

Un esempio arriva dalla DAF con il modello LF Hybrid 12T. Sotto il cofano il camion ha un propulsore a gasolio Paccar FR di 4.5 litri da 160 cv. Tra il motore diesel e il cambio (un automatico a sei rapporti della Eaton) c’è un motore elettrico che interviene in due modi: fornisce la spinta iniziale per la marcia e funge da generatore di energia elettrica. Tutto il sistema è poi completato dai dispositivi necessari al recupero di energia in frenata. Le batterie impiegate sono quelle agli ioni di litio, che sono usate sulle varie vetture ibride.
Il blocco di batterie del DAF LF Hybrid 12T è composto 96 cellule al litio, di 3,6 volts. Il tutto per un peso di circa 100 kg. Con le batterie al massimo delle capacità, il camion può percorrere circa 2 km senza l’ausilio del motore diesel. Per chiarezza: il propulsore termico funziona anche in questa situazione, ma soltanto per far funzionare alcuni organi indispensabile per il mezzo, come il compressore dell’aria e il sistema dell’impianto sterzante, che lavora sotto pressione.
Per ottimizzare ulteriormente il comportamento ambientale del mezzo, la DAF ha dotato il suo ibrido anche del sistema Stop & Start.
Il DAF LF LF45.160 Hybrid pesa 300 kg più della versione standard con motore diesel e la capacità di carico è di 7,5 ton.
Il primo esemplare del veicolo è uscito dalla fabbrica inglese British Leyland ai primi di dicembre. Per il momento DAF la propone in Gran Bretagna, Olanda, Germania, Francia, Belgio e Repubblica Ceka. In Italia, evidentemente, per adesso ritiene non ci sia mercato. Chissà domani…

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home