LEGGI E POLITICA

Fita cambia, Anita conferma

14 giugno 2011

Che sia l’effetto di un nuovo vento è presto per poterlo dire. Ma la Fita-Cna sicuramente prova a cambiare. E per questo affida la presidenza a Cinzia Franchini, imprenditrice modenese (la sua azienda si occupa di merci pericolose) di appena 39 anni, che incassa l’87% dei voti (2 in tutto quelli contrari). La neopresidente ha di certo una grande “voglia di cambiamento”. Appena qualche mese fa, ospite del Ring (l’intervista a tutto campo con metafora pugilistica) di Uomini e trasporti (n. 265 di marzo), Cinzia Franchini parlava della necessità “di rivedere i meccanismi di rappresentanza” all’interno delle associazioni di categoria, di “rottamare” alcuni soggetti rimasti “lì per troppi anni”, di “ripartire dalla base” per accrescerne la partecipazione e la condivisione. A questi presupposti quindi ispira la sua presidenza, che vede un drastico dimezzamento anche dell’organismo presidenziale, che dai 15 membri precedenti passa ai 7 attuali, proprio per accrescerne le capacità decisionali.
Si tratta di un processo “appoggiato” dalla Cna – e non a caso il presidente Ivan Malavasi era presente all’elezione – ma anche “tentato”, nel senso che è decisamente ridotto nei tempi: due anni, sono quelli concessi alla Franchini per dare una svolta, dopodiché si tornerà al voto. Come a dire, la base ha bisogno di messaggi forti, ma anche di risposte rapide.
Ad affiancare Cinzia Franchini nell’organo di presidenza saranno
: Giancarlo Betti (Toscana), Olindo Brega (Marche), Angiolina Mignolli (Veneto), Giancarlo Spinella (Sicilia), Ferruccio Trabanelli (Piemonte), Raffaele Grassi (Lombardia).

Praticamente nelle stesse ore anche un’altra associazione, Anita, eleggeva il suo presidente, anche se nel segno della continuità. Viene infatti riconfermato per altri tre anni Eleuterio Arcese, affiancato dagli stessi vicepresidenti dello scorso mandato: Sergio Bertani, Natale Mariella, Renzo Muratore, in qualità di vicario, e Marcello Pigliacelli.

Per cercare delle novità quindi bisogna andare a leggere le linee programmatiche del triennio, che vedono come priorità la sottoscrizione di accordi di settore, lo sviluppo di una politica industriale incentrata sulle riforme al fine di riorganizzare le imprese, una semplificazione normativa che renda efficiente il sistema dei trasporti e l’individuazione di parità di condizioni tra vettori nazionali e internazionali. Tutti temi che il riconfermato presidente affronta oggi a Roma, alle 10, in un'Assemblea pubblica presso l'Auditorium di via Veneto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home