UFFICIO TRAFFICO

Strade meno rumorose se

22 febbraio 2013
La Provincia Autonoma di Bolzano ha avviato nel 2011 una sperimentazione, insieme a Ecopneus, che ha visto l’utilizzo di un particolare tipo di asfalto realizzato aggiungendo al tradizionale bitume la gomma ricavata dal riciclo dei pneumatici arrivati a fine vita.
L’aggiunta di gomma da riciclo, sotto forma di polverino di dimensioni inferiori al millimetro al conglomerato bituminoso normalmente utilizzato per asfaltare le nostre strade, consente di ottenere una pavimentazione che ha prestazioni superiori agli asfalti tradizionali in termini di durata, resistenza agli agenti atmosferici e rumorosità dei veicoli in transito.
Ed è proprio l'abbassamento del rumore provocato dal passaggio dei veicoli uno degli aspetti principali che ha spinto l’amministrazione della Provincia Autonoma di Bolzano ad adottare, in occasione di un intervento manutentivo di un tratto stradale in Val Venosta, pavimentazioni in asphalt rubber, ossia contenenti gomma ricavata dai Pneumatici Fuori Uso. Tutte le fasi di test hanno dimostrato una riduzione del rumore causato dai veicoli in transito fino a 5 decibel: per avere la giusta percezione di tale dato basti pensare che una riduzione di 3 db corrisponde al dimezzamento della pressione acustica. La riduzione del rumore rende inoltre questi asfalti un'alternativa all’utilizzo delle barriere acustiche sulle strade ad alta percorrenza. 
Ma la fono-assorbenza è solo uno dei vantaggi che questo tipo di pavimentazione comporta: l’utilizzo di gomma da pneus fuori uso permette una più elevata resistenza agli agenti atmosferici e al deterioramento da usura, rendendo gli interventi manutentivi necessari meno frequenti e, di conseguenza, incidendo positivamente sui costi dell’intero ciclo vita del manto stradale. 






Chi è Ecopneus
Ecopneus, società senza scopo di lucro, è una delle organizzazioni che si occupa dal 2011 della gestione dei Pneumatici Fuori Uso (PFU) in Italia. Operando in base al D.M. 11 aprile 2011 n°82, gestisce i PFU generati in fase di sostituzione dei pneumatici nel mercato del ricambio, curandone la raccolta, la successiva frantumazione e l’avvio al recupero. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home