ACQUISTI

Il Transpotec degli allestitori

27 febbraio 2013
Per il settore del trainato sono stati anni duri. La fiera veronese è l'occasione di toccare con mano il suo attuale stato di salute

Ci sono stati non pochi scossoni nel mercato italiano dei trailer, oggi più che mai alla ricerca di prospettive, di una strada per risorgere dopo i duri colpi degli ultimi anni, quando il livello di immatricolazioni si è ridotto al lumicino. Prova ne sia che qualche allestitore italiano, sicuramente tra i maggiori, si è messo a fare rimorchi agricoli (Zorzi, Cardi) perché l’agricoltura ancora tira rispetto all’industriale.
In
Zorzi invece stanno progettando una versione 2.0 dell'azienda che dovrebbe andare a battere altre strade. 
La Multitrax arriva in fiera portando tutti i suoi marchi: Kögel, Doll, Feldbinder, Kraker e D-Tec. Nel frattempo è cambiato qualcosa a livello societario essendo entrata a far parte del nuovo gruppo di Demes Ziliani, che alla concessionaria Iveco Evicar, aggiunge la EV Industrial sotto cui confluiscono i ‘vecchi’ business e i soci Maggi.
Poi ci sono tutti i consociati, fondatori del consorzio Phontis: Bertazzoni, Carrozzeria Bianchini (che espone un cassone fisso con gru smontabile retro cassone, centinatura idraulica con tetto basculante), Cardi, Grapar e Ifac; che si portano dietro la CIR, ma che allargano la compagine anche al Centro allestimenti (con un autotreno mega 118/120 m3 per 38 europallet), a Paganini Car e S.T. System Truck.

A concludere l'elenco degli espositori ci sono pure Adamoli, Adige e Chereau.  

Buona fiera!

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home