UFFICIO TRAFFICO

CQC: ecco chi può già frequentare i corsi per il rinnovo quinquennale

15 marzo 2013
Dallo scorso 9 marzo, i conducenti titolari di carta di qualificazione per il trasporto di merci (CQC-merci), ottenuta per documentazione e con scadenza 9 settembre 2014, possono frequentare il corso di formazione periodico per il suo rinnovo quinquennale.
Tale rinnovo contempla la frequenza a uno specifico corso di formazione della durata di 35 ore di lezioni teoriche in aula: 21 ore di parte comune e 14 ore di parte speciale per il trasporto di merci. Non è prevista alcuna parte pratica, né alcun esame, ma i corsi vanno frequentati esclusivamente presso gli organismi autorizzati siano essi autoscuole o Enti di formazione delle Associazioni degli autotrasportatori presso il Comitato Centrale. 
Per la validità del corso, la normativa sancisce che ciascun allievo frequenti almeno 32 delle 35 ore complessive e che se le assenze superano le tre ore, il corso non sia da ritenere valido e che l’allievo sia tenuto a intraprendere un nuovo corso.
Al termine del corso, l’allievo che avrà frequentato il numero sufficiente delle lezioni otterrà uno specifico attestato di frequenza. Per il rinnovo della CQC, tale attestato va allegato alla domanda di rinnovo, il cosiddetto modello TT746C, unitamente alle attestazioni dei versamenti e a una nuova fotografia del richiedente.
Per tutti i corsi svolti prima della scadenza, l’interessato avrà la CQC merci rinnovata per il periodo 10 settembre 2014 – 9 settembre 2019.
Qualora, invece, la CQC merci fosse rinnovata nei due anni successivi alla scadenza del 9 settembre 2014, la validità del rinnovo decorrerà dal giorno del rilascio dell’attestato di formazione periodica e nel frattempo il conducente non potrà guidare i veicoli adibiti al trasporto merci.
Se, infine, la CQC merci fosse rinnovata solo dopo due anni dalla scadenza, oltre alla frequenza del corso di formazione periodica, verrà richiesto all’interessato anche il superamento di un esame finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home