LEGGI E POLITICA

Parte a ottobre il Sistri per i rifiuti pericolosi. A marzo per tutti gli altri

21 marzo 2013
Ci riprova il Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti che sarebbe dovuto partire nel lontano giugno 2011. non era mai riuscito a trovare concreta attuazione. Un decreto del ministero dell’Ambiente stabilisce un nuovo calendario di partenza, in cui viene indicato il 1° ottobre come data di avvio limitatamente ai produttori di rifiuti pericolosi con più di 10 dipendenti e per enti e aziende che gestiscono questo tipo di rifiuti. 
Per tutti gli altri vengono l’avvio viene fatto slittare al 3 marzo 2014. anche se possono aderire prima di tale data su base volontaria. In ogni caso per tutto il 2013 il pagamento del contributo, altro aspetto che tanto aveva indispettito le aziende, rimane congelato
Obiettivo espresso dal ministro Corrado Clini è quello di semplificare e di rimuovere tutte quelle «pesantezze burocratiche» che avevano caratterizzato il Sistri nella prima versione. Ma ovviamente ci sono anche da superare una serie di difficoltà dal punto di vista tecnico, bisogna far ripartire il lavoro della Selex – società del Gruppo Finmeccanica – che durante il periodo di sospensione del sistema aveva dovuto mettere in cassa integrazione i dipendenti, bisogna effettuare tutte le verifiche e gli aggiornamenti del caso. A questo scopo ci sarà uno step di aggiornamento da inizio maggio a fine settembre, relativamente alle imprese coinvolte nella partenza di ottobre, e un altro, da ottobre a fine febbraio, per testate l’avvio di marzo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home