UFFICIO TRAFFICO

L’Austria rimborsa i pedaggi notturni sulla A13 effettuati tra 2001 e 2003: ecco come

8 aprile 2013
Lo scorso 2 ottobre l’Alta Corte di Giustizia dell’Austria ha sentenziato in maniera inequivocabile che i pedaggi notturni fatti pagare ai veicoli in transito sulla tratta Brennero-Innsbruck (A13), tra il 2001 e il 2003 vanno almeno parzialmente rimborsati
La prima considerazione – meno importante – è che gli interminabili tempi della giustizia non sono un’esclusiva italiana. Anche qui infatti parliamo di una sentenza che arriva dopo una dozzina di anni dall’evento giudicato. 
La seconda – molto più di sostanza – riguarda il fatto che tutti coloro che tra il 1° febbraio 2001 e il 31 dicembre 2003 possono chiedere il rimborso alla società Asfinag (la concessionaria autostradale) quantificato in modo diverso in base al periodo:
 - dal febbraio 2001 al 31 agosto 2002 è di 63,98 euro;
- dal 1° settembre 2002 al 31 dicembre 2003 è di 68,58 euro.

Per fare la domanda è necessario scaricare l’apposito modulo sul sito della società Asfinag, allegare come documentazione copie delle fatture o delle ricevute di pagamento effettuate tra le 22 e le 6 del lasso temporale ricordato e spedire il tutto all’indirizzo elettronico o fisico indicato sul sito stesso.
Una volta ricevuto il tutto, Asfinag fornirà le credenziali per l’accesso nell’area del sito dedicata, in cui è possibile effettuare il riscontro dell’effettivo transito per cui si è chiesto il rimborso. A conclusione della procedura, con l’accettazione dell’importo da parte dell’impresa, Aasfinag procederà al pagamento immediato.
Qualche problema potrebbe nascere dal fatto che il sito (e il modulo) è esclusivamente in lingua tedesca e che la società austriaca richiede il nominativo di una persona con cui eventualmente poter interloquire, rispetto alla pratica, in lingua tedesca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home