ACQUISTI

ESi 4000 e ETi 4000, sollevatori Crown polifunzionali e per tutte le superfici

11 aprile 2013
L’azienda americana amplia la nuova serie ES 4000/ET 4000 con i carrelli a sollevamento iniziale ESi 4000 e ETi 4000, per qualsiasi esigenza di impilamento
Collocare o togliere le merci dalle scaffalature, trasportare pallet aperti o chiusi, caricare e scaricare furgoni su baie di carico e rampe, impilare pallet doppi. Sono solo alcuni dei numerosi compiti affidati ai nuovi modelli con sollevamento iniziale ESi 4000 (con operatore a terra) e ETi 4000 (con operatore a bordo) di Crown, disponibili da adesso anche sul mercato italiano.
Gli ultimi nati dell’azienda statunitense completano una gamma che oggi è in grado di operare in condizioni difficili, su pavimentazioni irregolari o in pendenza, su rampe di carico o con pallet che necessitano di essere trasportati per la larghezza. La maggiore altezza da terra dei nuovi modelli contribuisce a evitare il rischio di carichi incagliati e permette di trasportare due pallet contemporaneamente o un peso fino a due tonnellate sulle razze. I rulli di entrata e di uscita (opzionali) consentono inoltre alle razze di superare le traverse del pallet, anche quando questo è vuoto. Il sollevamento iniziale di Crown è dato da un sistema di tiranteria che posiziona lo snodo di sollevamento nel punto più alto possibile per prevenire danni e usura. Le altezze di sollevamento sono comprese tra 2,4 e 5,4 metri e le portate arrivano a 1,2, 1,4 e 1,6 tonnellate. Il timone X10, progettato secondo concetti ergonomici, ha un’ottima manovrabilità, mentre le sospensioni della piattaforma operatore FlexRide rendono il lavoro confortevole anche su turni di lavoro prolungati. 
Tutti i modelli della serie montano la frenatura e-GEN di Crown, esente da manutenzione. Il sistema di controllo Access 1 2 3, con accesso sicuro tramite codice Pin, fornisce informazioni sullo stato operativo del carrello e completi programmi diagnostici integrati per consentire interventi di assistenza più rapidi.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home