ACQUISTI

Nuovo Mercedes Econic: distribuzione urbana in versione «pulita»

24 aprile 2013
Ha un accesso ribassato, un ampio parabrezza, sospensioni pneumatiche... Insomma, è il classico veicolo fatto per operare in città: nei servizi municipali, ma anche nella distribuzione urbana, specialmente di alimenti e bevande. E adesso che è equipaggiato con motori Euro 6, con emissioni e particolato ridotti de 90%, la città gli apre ancora di più le porte
L’occasione è sempre la stessa: equipaggiare il veicolo con motorizzazioni euro 6 , obbligatorie dal prossimo anno. Ma poi, lungo quella via si finisce per rivoluzionare (più o meno profondamente) l’intero mezzo. È accaduto così anche per l’Econic, innovato, oltre che nei motori e nella catena cinematica, nell’aspetto, nell’allestimento interno della cabina, nell’architettura dei sistemi elettronici, nelle tante varianti di telaio che ne allargano le possibilità di sfruttamento. Ciò che non cambia, malgrado tutto l’insieme dei componenti utilizzati per tagliare il traguardo dell’Euro 6, è il carico utile e il concetto di fondo del veicolo, caratterizzato da un accesso ribassato (utile soprattutto per servizi municipali o per la distribuzione urbana) in cui è frequente il sali-scendi dalla cabina, la porta lato passeggero completamente vetrata a tutto vantaggio della sicurezza, il parabrezza di ampio volume e le sospensioni pneumatiche. Un concetto che ha conquistato il favore, dalla fine degli anni Novanta, di oltre 12.000 clienti e che adesso potrebbe andare a presidiare, sempre in ambito urbano, specifici lavori di distribuzione, in particolare di generi alimentari e di bevande.
In definitiva, fatto salvo la struttura della cabina tutto il resto ha subito una radicale trasformazione, anche se in molti casi – essendo l’ultimo veicolo a sottoporsi a rinnovamento – ha potuto beneficiare delle esperienze testate sulle altre gamme.   

La cabina: dentro e fuori 
Questo discorso lo coglie al volo osservando il veicolo dall’esterno, dove sono presenti i tratti tipici del design di tutti i veicoli Mercedes-Benz di ultima generazione, dalla nuova mascherina del radiatore, al paraurti più robusto fino alle luci diurne a LED di serie. 
Saliti a bordo le novità saltano agli occhi: la disposizione degli interni, il volante multifunzione, la migrazione del freno di stazionamento e del comando del cambio all'altezza del volante, gli spazi di stivaggio sopra e dietro ai sedili, le bocchette di ventilazione e la tendina parasole avvolgibile a comando elettrico.

Motori fino a 354 cv 
Ma è ovviamente sotto il cuore della novità. Perché è qui che trovano posto le nuovi motorizzazioni euro 6, in grado di tagliare emissioni e particolato del 90% rispetto agli Euro 5. L’offerta è duplice: due 6 cilindri da 7,7 litri OM 936 LA con potenza di 220 kW (299 cv) e 260 kW (354 cv), con coppie di 1.200 e 1.400 Nm e eccellenti doti di ripresa, evidenziate da curve di funzionamento in cui appare evidente come la maggiore potenza venga sprigionata ai regimi più bassi. 
I consumi dichiarati calano: del 4% quelli di gasolio, del 40% quelli di adblue, mentre i costi di manutenzione sono abbattuti dall’allungamento degli intervalli di manutenzione
Tra le caratteristiche tecniche, da segnalare gli alberi con camme calettate, le bielle forgiate e imbullonate, l'albero motore configurato per garantire la massima rigidità. 
Lungo la catena cinematica, questi motori vengono fatti dialogare con un cambio automatico Allison a 6 marce, ideale per la distribuzione urbana, innovato per l’occasione con lo speciale software Eco, che contribuisce a far risparmiare carburante.
Restano confermate le tanto apprezzate versioni a metano, anche se Mercedes ha tutta l'intenzione di perfezionarle sulla base delle nuove motorizzazioni.

Varianti e allestibilità 
L'Econic sarà disponibile inizialmente nelle configurazioni 4x2, 6x4 e 6x2/4 con asse anteriore o posteriore aggiunto sterzante elettroidraulico progressivo, con un peso totale a terra di 18 o 26 ton. In più si può optare tra passi più o meno lunghi(da 3.450 mm a 5.700 mm) e cabine più o meno alte (con altezza interna di 1.295 e 1.745 mm). Molto interessante pure l’innalzamento della portata dell’asse anteriore a 8 tonnellate
Ma la forza dell’Econic sta soprattutto nella sua estrema facilità di allestimento, frutto di una struttura del telaio basata su una schema continuo di fori e della possibilità di spostare la traversa posteriore a posizione variabile, come pure la nuova collocazione dei gruppi dietro la cabina, così da lasciare maggiore spazio di montaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home