ACQUISTI

Mercedes-Benz e Renault: insieme anche per i furgoni grandi

2 maggio 2013
Dai piccoli (Kangoo-Citan)ai grandi (Master-Sprinter), di allarga la collaborazione tra i due gruppi e si stravolge così la geografia delle alleanze industriali nel mondo dei Van
Non è una sorpresa, ma è una notizia di rilievo: il gruppo Daimler (cioè la Mercedes-Benz) e la Renault hanno avviato un confronto per definire l’estensione della collaborazione già in atto tra i due gruppi, questa volta con l’obiettivo di arrivare alla produzione di un nuovo furgone di grandi dimensioni destinato a essere commercializzato con i marchi Renault e Mercedes-Benz, a partire dal 2016. In pratica si tratta dei prossimi modelli Mercedes Sprinter e Renault Master.
La notizia è stata confermata sia da parte Daimler che da quella Renault, senza fornire alcun elemento di dettaglio. In particolare non c’è stata nessuna conferma di quanto pubblicato dalla stampa economica francese a proposito della scelta di impianti Renault in Francia per la nuova produzione.
La nuova iniziativa rappresenta un allargamento della collaborazione tra i due gruppi che oltre a riguardare attività per l’automobile, ha già dato vita alla produzione del Mercedes Citan su base Renault Kangoo, questa sì in uno stabilimento Renault (in Francia, a Maubege, ai confini con il Belgio).
Come si è accennato la notizia non ha sorpreso, dopo che la Volkswagen aveva comunicato di voler procedere autonomamente alla progettazione e allo sviluppo del modello destinato a sostituire il furgone Crafter, che è «gemello» del Mercedes Sprinter attuale. In pratica Volkswagen ha messo la parola fine a una collaborazione di lunga data di fronte alla sempre più stretta intesa operativa tra Mercedes e Renault. Con ciò viene meno un altro pezzo della geografia produttiva del settore «van», dopo la fine della collaborazione tra gruppo Fiat e gruppo Psa per la famiglia dei modelli medi. Non resta che aspettare la prossima notizia in materia. Magari proveniente dagli ambienti Psa Peugeot-Citroën e Opel-GM. No?

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home