LEGGI E POLITICA

Veicoli commerciali: l'europarlamento limita la velocità a 120 km/h e le emissione di Co2 a 147 g/km

8 maggio 2013
Limite di velocità a 120 km/h e tetto per le emissioni di CO2 a 147 grammi/km entro il 2020 e tra i 105 e i 120 grammi dal 2025. Sono queste le misure approvate dalla commissione Ambiente per i nuovi veicoli commerciali leggeri
Per riuscire a raggiungere tali obiettivi le case costruttrici potranno però giovare di uno speciale meccanismo, che consente di bilanciare la produzione di modelli inquinanti tramite quella di veicoli commerciali ultrapuliti, vale a dire con meno di 50 grammi di emissioni di CO2/km. 
Tali misure, che avevano come relatore l'eurodeputato liberaldemocratico tedesco Holger Krahmer, hanno ottenuto 53 voti a favore, 4 contrari e un'astensione.  

I primi commenti sulle emissioni
Le reazioni alla notizia vanno in direzioni completamente opposte. L’Acea, l’associazione dei produttori di auto europea, ritiene l’obiettivo dei 147 grammi estremamente impegnativo, al punto che lo giudica raggiungibile soltanto attraverso il ricorso a tecnologie ibride. Al contrario, Greenpeace considera che si poteva fare molto di più.

Il limite di velocità fa discutere
Ma il contrasto vero e proprio è sorto rispetto all’emendamento, approvato all’ultimo minuto per alzata di mano con la contrarietà dello stesso relatore, relativo all’obbligo da parte delle case di dotare i veicoli commerciali di limitatori di velocità per non oltrepassare i 120 km/h. Provvedimento giudicato dai più invasivo dell’autonomia dei singoli paesi, liberi di regolare al proprio interno i limiti di velocità sulle strade, ma accolto invece con estrema soddisfazione dalle associazioni ambientalista che ritengono che una ridotta velocità aiuta a consumare meno e quindi a contenere le emissioni di gas serra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home