UFFICIO TRAFFICO

Ravenna: container si stacca dalla gru e distrugge un camion al carico. Autista illeso

9 maggio 2013
Qualche ora prima che si verificasse il grave incidente mortale al porto di Genova, anche nel porto di Ravenna accadeva un imprevisto, che avrebbe potuto generare conseguente ugualmente tragiche. Si stava svolgendo, tramite una gru, un banale lavoro di movimentazione di un container, in modo da liberarne un altro da caricare su un camion in attesa. Senonché durante la manovra il container si è staccato ed è andato a finire sulla cabina del veicolo, distruggendolo in buona parte, al punto che i Vigili del Fuoco di Ravenna giunti sul posto hanno dovuto usare un divaricatore per staccare il container dalla carrozzeria. 
Per fortuna, così come impone la normativa, l’autista durante la manovra si era allontanato per uscire dal raggio operativo del mezzo di sollevamento. Se non si fosse comportato in questo modo, se non avesse rispettato le normative sulla sicurezza, la portualità italiana avrebbe dovuto aggiungere a quelli di Genova un ulteriore lutto
L’operatore che lavorava alla gru ha riportato invece alcune ferite e contusioni non particolarmente gravi e guaribili in qualche giorno.
Tutto questo non può insegnare che una cosa. «Gli aspetti sulla sicurezza nell’area portuale legati all’attività diretta – come a sottolineato Danilo Morini, segretario provinciale della Filt Cgil – devono essere praticati anche alle attività di trasporto interno e di movimentazione dei container e delle merci». 
 L’incidente – come si ipotizza – è avvenuto perché l'operatore che svolgeva l’operazione di movimentazione l’affrontava con quella confidenza che matura in chi l’ha già ripetuta migliaia di volte. Ecco perché – come ha auspicato Rudy Gatta, responsabile porto e trasporti di Legacoop Ravenna – «sarebbe utile se l’incidente servisse a ricordare a tutti i soggetti coinvolti, a qualsiasi livello, nelle attività portuali, che non si può mai abbassare la guardia e che un porto moderno si riconosce anche da come riesce a difendere la sicurezza dei lavoratori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home