LEGGI E POLITICA

Premi Inail: ecco come usufruire delle riduzioni per il 2013

10 maggio 2013
Dei 400 milioni stanziati per l’autotrasporto, 91 milioni servono a ridurre i premi Inail delle imprese di autotrasporto. Per la precisione di questi 91 milioni: 
- 82 milioni vengono destinati alla riduzione «non strutturale» dei tassi medi di tariffa delle due voci 9121 e 9123; 
- 9 milioni sono riservati alle imprese artigiane dell'autotrasporto per la riduzione «non strutturale» dei premi speciali unitari.
Adesso l’Inail rende operativa tali interventi attraverso una nota dell'8 maggio n. 2951, con cui sono stati approvati per il 2013 i tassi di tariffa per le voci 9121 e 9123 delle Gestioni Industria, Artigianato e Terziario, nonché per la medesima annualità la riduzione dell'11,70% dei premi speciali unitari dovuti dalle imprese artigiane per le voci 9123 (classe di rischio 5°) e 9121 (classe di rischio 8°). Inoltre, sono stati rielaborati i tassi 2013 ed è in corso l'invio tramite PEC del modello 20 SM aggiornato relativo alla comunicazione del tasso applicato per l'anno in corso. Per le imprese non provviste di PEC è in corso la spedizione a mezzo posta. L’Inail specifica che, se per ritardi postali, le aziende non ricevano la comunicazione del tasso applicato in tempo utile per la determinazione e il pagamento del premio da effettuare entro il 16 maggio, è possibile richiederlo alle Sedi provinciali. Si tenga presente che i nuovi modelli 20SM sono già disponibili (in procedura GRA WEB - Ristampe 20SM).

Come calcolare l’Autoliquidazione 2012/2013
Le imprese classificate alle voci 9121 e 9123, che hanno già ricevuto entro dicembre 2012 le basi di calcolo per l'autoliquidazione 2012/2013 dei premi assicurativi, dovevano provvedere entro il 18 febbraio a calcolare i premi ordinari applicando alle retribuzioni i tassi indicati sulle basi di calcolo e anche i premi speciali unitari dei componenti del nucleo artigiano (titolari, soci, collaboratori familiari, associati in partecipazione) non applicando alcuna riduzione al premio di rata 2012. Sulla base di tali calcoli dovevano pagare l’intero premio di autoliquidazione entro il 18 febbraio 2013, oppure la prima rata nel caso in cui l'impresa avesse comunicato di voler corrispondere il premio di autoliquidazione in quattro rate, ai sensi della legge n. 449/97 e n. 144/99. 

 In virtù delle nuove disposizioni le imprese devono: 
· calcolare i premi ordinari applicando alle retribuzioni (già dichiarate entro il 18 marzo 2013 con invio telematico) i nuovi tassi indicati nel 20 SM in corso di notifica; 
· calcolare i premi speciali unitari dei componenti del nucleo artigiano (titolari, soci, collaboratori familiari, associati in partecipazione), applicando al premio di rata 2013, per le sole voci di tariffa 9121 e 9123 e in base alle percentuali di incidenza presenti, la percentuale di riduzione dell'11,70%. Per quanto riguarda i premi speciali unitari degli artigiani, si ricorda che alla regolazione 2012 è applicata la riduzione dell'11,90% (già applicata ai fini della rata per l'autoliquidazione 2011/2012). 

Come si recupera il «di più» eventualmente versato il 18 febbraio 2013
Se il premio di autoliquidazione 902013 è stato versato in unica soluzione, ovviamente senza applicare lo sconto, il credito può essere utilizzato in compensazione a mezzo F24 con le consuete modalità. Se l'impresa non si era mai avvalsa del pagamento in 4 rate oppure aveva comunicato la revoca di tale modalità di pagamento, il credito sarà visualizzabile in Punto Cliente dopo l'elaborazione (Contabile ditta - Crediti). Se l'impresa si è avvalsa del pagamento in forma rateale, l'importo già versato in misura superiore al dovuto deve essere utilizzato in compensazione sulla rata in scadenza al 16 maggio 2013. 
L'iter da seguire è il seguente: 
1. Polizza dipendenti, voci di tariffa 9121 e 9123, gestioni Industria, Artigianato e Terziario 
Regolazione 2012. Applicare il tasso di tariffa indicato nelle basi di calcolo alla regolazione 2012 della polizza dipendenti (voci di tariffa 9121 e/o 9123); 
Rata 2013. Applicare il nuovo tasso di tariffa comunicato con i modelli di comunicazione del tasso applicato 2013 in corso di spedizione. 

2. Polizza artigiani, voci di tariffa 9121 e 9123, gestione Artigianato
Regolazione 2012. Calcolare i premi speciali unitari dei componenti del nucleo artigiano (titolari, soci, collaboratori familiari, associati in partecipazione) applicando al premio di regolazione 2012, per le sole voci di tariffa 9121 e 9123 e in base alle percentuali di incidenza presenti, la percentuale di riduzione dell'11,90%; 
Rata 2013. Calcolare i premi speciali unitari dei componenti del nucleo artigiano (titolari, soci, collaboratori familiari, associati in partecipazione) applicando al premio di rata 2013, per le sole voci di tariffa 9121 e 9123 e in base alle percentuali di incidenza presenti, la percentuale di riduzione dell'11,70%.

3. Determinare il premio di autoliquidazione
Sommare algebricamente quanto dovuto per regolazione e per rata (premio dovuto di autoliquidazione 902013). 

4. Calcolare le rate legge n. 449/97 e n. 144/99
Dividere l'importo del premio di autoliquidazione per 4, si otterrà in tal modo l'importo dovuto per la singola rata. 

5. Ricalcolo degli interessi
Calcolare l'ammontare degli interessi per le rate di maggio, agosto e novembre sul nuovo importo delle singole rate di cui al punto 4 nella misura del 3,11% in ragione d'anno.

6. Determinazione del di più versato per la prima rata in scadenza al 18 febbraio 2013
Calcolare la differenza tra l'importo dovuto riconteggiato per la prima rata e l'importo già pagato al 18 febbraio sempre per la prima rata e quantificare così il credito da utilizzare a conguaglio. 

7. Determinazione dell'importo dovuto per la rata di maggio
Dal nuovo importo della rata di maggio, maggiorata degli interessi determinato come descritto al punto 5, sottrarre l'importo a credito già pagato dall'importo dovuto per la rata in scadenza al 16 maggio. 

Modalità di recupero del «di più» versato al 18 febbraio 2013 e al 16 maggio 2013 Vista l'imminente scadenza del 16 maggio per il pagamento della seconda rata del premio di autoliquidazione 2012/2013, nel caso in cui si riscontrino difficoltà a effettuare la rideterminazione delle rate, il maggior versato al 18 febbraio e al 16 maggio 2013 potrà essere recuperato con la rata di agosto, ricalcolando l'intero importo dovuto a titolo di autoliquidazione 2012/2013, suddividendo tale importo per 4 e calcolando sulle rate successive alla prima gli interessi. I minori importi dovuti per la prima e la seconda rata potranno quindi essere sottratti dalla rata di agosto ricalcolata. 

Autoliquidazione in scadenza al 17 giugno 2013
Per le ditte che hanno presentato la denuncia di esercizio nei termini, con data inizio attività ricompresa tra la metà e la fine di dicembre 2012, è prevista una seconda elaborazione dell'autoliquidazione 2012/2013 in scadenza al 17 giugno 2013.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home