LEGGI E POLITICA

Punti patente e CQC: il corso di recupero si può frequentare anche senza l'avviso di averli persi

13 maggio 2013
Fino a ieri per iscriversi al corso di recupero dei punti patente, così come per quelli della CQC, era necessario aver ricevuto la comunicazione ufficiale dell’effettiva decurtazione del punteggio. Oggi, con una circolare dell’8 maggio della direzione generale della motorizzazione del ministero dei Trasporti, questa attesa non è più necessaria. Nel senso che ci si può iscrivere tranquillamente, anche in mancanza di una comunicazione formale, se si attesta la riduzione del proprio punteggio nei seguenti modi
a) stampa del saldo dei punti presenti sulla patente di guida, acquisito all’interno del sito «Il portale dell’automobilista». E a tale scopo è necessario: 
 - registrarsi al sito; 
 - inserire login e password; 
 - selezionare, in ordine, le opzioni “accesso ai servizi” – “verifica punti patente” – “estratto conto”; 
 - stampare quanto visualizzato. 
b) stampa del saldo dei punti presenti sulla patente di guida, rilasciata dall’ufficio della motorizzazione (che si collegherà a tale scopo alla maschera VECA) senza oneri per il richiedente.

Il motivo per cui si era reso necessario fornire tale interpretazione «adeguatrice» deriva da alcune sentenze della giustizia amministrativa con cui alcuni autisti non avevano potuto iscriversi al corso di recupero non avendo ricevuto la comunicazione della perdita punti e, siccome nel frattempo avevano visto azzerarsi il proprio punteggio, avevano dovuto ripetere l’esame di guida nei 30 giorni successivi alla notifica del provvedimento di revisione della patente. Situazione paradossali che adesso non dovrebbero più crearsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home