ACQUISTI

CIMC Silvergreen. La Cina dietro la cabina

24 maggio 2013
Burg Silvergreen cambia nome in CIMC Silvergreen a sottolineare l’avvento anche nel brand della nuova proprietà cinese. E per l’occasione presenta molti nuovi prodotti, tra cui un leggerissimo portacontainer
Da Burg Silvergreen a Cimc Silvergreen. Un cambio di nome, che è anche un segno dei tempi, con capitali cinesi che acquisiscono il controllo di una società europea. Come lo si giustifica? «Cinque buoni motivi hanno portato al cambio del nome» - spiega David Li, AD di CIMC Vehicle - ma nella realtà sono tutti riconducibili a uno: promuovere il brand del gruppo di controllo che già gode di eccellenti referenze sul mercato mondiale, in particolare quelli statunitense e australiano. Con il marchio «Cimc» si individueranno i prodotti di serie, mentre il brand «Burg» verrà utilizzato per le costruzioni di rimorchi su misura». 
L’annuncio della piccola rivoluzione è stato presso lo stabilimento di Laa an der Thaya, in Austria, dove ha sede una delle tre unità produttive-operative in Europa. Qui i semilavorati vengono assemblati, trattati nel modernissimo impianto di cataforesi, in attesa di inaugurare entro fine anno il quarto impianto di produzione europeo a Günzburg, in Baviera
Gli altri due siti produttivi europei sono a Pijnacker in Olanda e Bree in Belgio, dove vengono montati i semilavorati di carpenteria realizzati dagli stabilimenti cinesi di Shenzhen e Qingdao e pretrattati in quello austriaco di Laa an der Thaya. 

Il cambiamento di nome non influenzerà la filosofia produttiva, che rimane immutata e soprattutto orientata all’espansione. In rampa di lancio ci sono anche nuovi prodotti tra cui lo Chassis SC03, commercializzato dalla seconda metà del 2013. 
Siamo davanti a uno dei portacontainer più leggeri sul mercato, pensato per il trasporto di container fino a 40’ di lunghezza, grazie al sistema «push-out» posteriore, può adattarsi anche al trasporto di container da 20’ e 30’ variando la lunghezza. 
Nonostante la tara tra le più ridotte della categoria, SC03 è tuttavia caratterizzato da una costruzione particolarmente robusta: il telaio è approvato per carichi fino a 15 t e può essere utilizzato con un trattore a tre assi come opzione. Particolare attenzione nel suo progetto è stata riservata anche contenimento degli interventi di manutenzione che sono ridotti all’essenziale.   

In Italia CIMC Silvergreen ha attualmente due dealer che si dividono il territorio nazionale: 
· Toni Pichler, via Nobel, 3905 Laives (BZ), tel. 047 1953400, info@pichler.bz.it 
 · Rinaldo Aniello, via San Leonardo 161, 84131 Salerno (SA), tel. 089 849920, aniellorinaldo@europarimorchi.it

(per saperne di più: Uomini e Trasporti n. 288, giugno 2013)

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home