ACQUISTI

My Viesa, l'evaporativo diventa «portatile»

26 giugno 2013

Arriva sul mercato un nuovo condizionatore evaporativo “made in Italy” portatile, compatto, leggero ed ecologico

Si chiama My Viesa ed è il nuovo condizionatore evaporativo portatile "made in Italy" che funziona a 12 volt e si può alimentare anche con la semplice presa accendisigari, portandoselo dietro in casa, in barca, ma anche in cabina di camion. 
My Viesa sfrutta il naturale principio fisico dell’evaporazione per migliorare lo scambio termico corporeo, evita gli sbalzi di temperatura che possono disidratare le vie respiratorie e mantiene l’umidità stabile prelevando aria dall’esterno e filtrandola attraverso un evaporatore umidificato. Funzionando a 12 volt, il costruttore garantisce bassi consumi rispetto ai sistemi di raffreddamento tradizionale. 
Con un peso a vuoto di 7,3 kg e dimensioni compatte, My Viesa fa della trasportabilità uno dei suoi punti di forza, insieme al filtro evaporatore in fibre naturali a tre mescole, tecnologia brevettata dal gruppo argentino Colven e applicata a tutte le gamme di condizionatori evaporativi prodotti dalla multinazionale. 
Prodotto negli stabilimenti di Ital Colven a Montemurlo (PO), dispone di un serbatoio interno che contiene 6,5 litri d’acqua e permette, alla minima potenza, un funzionamento fino a 13 ore consecutive. Il sistema è in grado di monitorare la carica della batteria e disattivarsi automaticamente in caso di basso voltaggio, di mancanza d’acqua, di inversione di polarità o di anomalie nel funzionamento di alcuni componenti. 
Dispone di 8 velocità di ventilazione, ha la possibilità di programmare l’accensione e lo spegnimento grazie al timer inserito nella centralina e offre la funzione “sola ventilazione”. 
La struttura è in ABS con rivestimento in acrilico con finiture in nero lucido, è disponibile dalla fine di giugno presso i rivenditori ufficiali del marchio Viesa al costo è di 695 euro, Iva compresa. 
Info su: www.vigiaviesaitaly.it.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home