FINANZA E MERCATO

I bio-carburanti nel futuro di Marghera

28 giugno 2013

Che sarà del Polo petrolchimico di Porto Marghera? La risposta a questa domanda, che si pongono tanti autotrasportatori cisternesti attivi sul sito veneto, si va sempre pipù definendo: «cambia». Più precisamente si trasforma, per assumere le forme di quella che viene chiamata «Green Refinery», in cui la produzione sarà concentrata sui bio-carburanti a elevata qualità. Un progetto importante, che prevede un investimento stimato di circa 100 milioni di euro ed è fondato sulla tecnologia ecofining, sviluppata e brevettata da Eni.
Green Refinery sta già attraversando una fase di conversione degli impianti da completare tendenzialmente entro l’anno, per poi avviare la produzione di bio-carburanti a inizio 2014 e quindi crescere fino all'entrata in esercizio dei nuovi impianti che saranno completati nel primo semestre del 2015. All'attività della Green Refinery, peraltro, sarà associata la realizzazione di un nuovo Polo Logistico.
Il progetto consentirà di convertire materie prime ecocompatibili, come oli vegetali e biomasse, in eco-carburanti come green diesel, green gpl e green nafta. I carburanti di origine petrolifera arriveranno a Marghera e saranno miscelati con le corrette percentuali di eco-diesel. Gli impianti attuali saranno integrati da un nuovo impianto di pretrattamento delle cariche e da un impianto di produzione dell’idrogeno.
Al progetto collabora KSB Italia, multinazionale leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi, sita a Concorezzo (MB), fornendo 6 gruppi di pompe API 610 modello RPH per il trasferimento di olio di palma, da reattore a reattore.
Sostenendo Eni in questo progetto, KSB Italia aggiunge un ulteriore tassello alla propria politica ambientale, concretizzata, per esempio, con l'istituzione del frutteto aziendale, di una mensa interna con prodotti anche a chilometro zero, l'installazione di pannelli solari per l'acqua calda sanitaria e di pannelli fotovoltaici per raggiungere l'autosufficienza energetica, nonché la redazione annuale del Bilancio di Sostenibilità Ambientale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home