ACQUISTI

Marix RP100, il ricostruito a freddo secondo Marangoni

28 giugno 2013

Marangoni introduce sul mercato italiano una nuova gamma di pneumatici ricostruiti a freddo che utilizzano mescole innovative, impronte a terra maggiorate e inedite tecnologie degli stampi

COnsumare meno, percorrere più chilometri e viaggiare sicuri. Per rispondere a queste esigenze, la divisione del Gruppo Marangoni cui fa capo la ricostruzione di pneumatici autocarro e che ha sede a Rovereto ha lanciato, in esclusiva sul territorio italiano, una nuova gamma di pneumatici Marix ricostruiti a freddo. La gamma rappresenta l’evoluzione di diverse innovazioni tecnologiche sviluppate dall’azienda leader mondiale nella ricostruzione a partire da quella dell’anello battistrada. Tra le innovazioni più significative vanno annoverate le nuove mescole che sono state utilizzate per produrre i battistrada e che assicureranno chilometraggi superiori, maggior grip su asciutto e bagnato e, nei prodotti per le lunghe percorrenze, il contenimento del consumo di carburante. Tutti questi vantaggi derivano anche da impronte a terra maggiorate ed ottimizzate. Le nuove tecnologie degli stampi con strutture lamellari in 3D inoltre massimizzano la performance dei prodotti “grip” o invernali.

La gamma copre tutte le applicazioni e le misure tipiche delle flotte più esigenti e verrà utilizzata prevalentemente su carcasse originali di produttori di primo livello. L’utilizzo dell’anello battistrada, vera e propria punta diamante della tecnologia a freddo, l’attenzione data a ogni dettaglio del processo produttivo, dalla selezione delle carcasse alla loro raspatura, alla confezionatura e finitura, nuovi. Per questo motivo Marangoni Commercial & Industrial Tyres ha deciso di denominare MARIX RP100 anche i prodotti ricostruiti con questo nuovo materiale, dove RP100 significa la massima espressione di prodotto nell’ambito della ricostruzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home