LEGGI E POLITICA

Trattative autotrasporto- committenza: il sottosegretario Girlanda apre il confronto

11 luglio 2013

Come avevamo preannunciato qualche giorno fa, ha preso il via ieri pomeriggio il «tavolo a tre» dell'autotrasporto convocato e presieduto dal sottosegretario al ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture Rocco Girlanda (accompagnato da Bartolomeo Giachino, Enrico Finocchi e Amedeo Fumero) tra la committenza e le federazioni dell’autotrasporto sui temi riguardanti l’operatività del settore, con particolare riferimento alle disposizioni sui costi minimi di sicurezza del trasporto, definiti da una legge del Parlamento italiano ma da sempre contestati dalla committenza.
Secondo un comunicato di Unatras, le parti, pur non rinunciando alle loro posizioni, hanno ribadito la comune volontà di approfondire le questioni aperte al fine di ricercare una posizione condivisa, anche per evitare che in futuro sempre più casi finiscano nelle aule dei tribunali, affidate alla magistratura già oggi coinvolta dalle azioni legali avviate dalla committenza. Questa impostazione, voluta dal ministro Maurizio Lupi ha voluto sottolineare come sia «meglio evitare che i rapporti di natura contrattuale, di competenza delle parti, vengano definiti dalla magistratura», impostazione che «ha riscontrato condivisione e il confronto si è potuto avviare». Queste le parole del presidente Unatras Paolo Uggè con sui ha commentato l'incontro di ieri. Uggè poi, prosegue «L’Unatras ha preso atto della dichiarata volontà del Governo di voler difendere la norma in vigore, in applicazione del principio della continuità con le decisioni assunte dai precedenti esecutivi, qualora non si addivenga al superamento delle rispettive posizioni. Questo positivo chiarimento consente da un lato di poter aprire il confronto per ricercare le opportune modifiche atte a definire regole per garantire legalità nelle operazioni di trasporto e dall’altro ricercare le condizioni che consentano a chi effettua l’attività di trasporto di operare nel rispetto delle norme sulla sicurezza sociale e della circolazione. Nessun rinvio o rinuncia dunque. Unatras si è assunta l’impegno di presentare, nell’incontro definito in programma la prossima settimana, le linee guida attorno alle quali sarà possibile sviluppare il confronto: valorizzazione delle imprese regolari di autotrasporto, rispetto delle regole, attribuzione all’Albo di maggiori funzioni che garantiscano maggior legalità e garanzia sull’effettuazione di controlli, sono i temi che, una volta risolti, potranno far sì che un quadro di regole e certezze condivise consenta ai principi del mercato di realizzarsi pienamente per consentire al sistema Paese di poter competere sui mercati europei».
L’incontro si è chiuso dopo tre ore di lavoro mettendo in agenda per martedì pomeriggio della prossima settimana un nuovo incontro di aggiornamento. Se son rose, come auspicano in molti,… fioriranno.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home