UFFICIO TRAFFICO

La Russia minaccia di uscire dal regime TIR a metà settembre

17 agosto 2013


La Russia vuole uscire dalla convenzione doganale TIR a partire da metà settembre. In realtà in un primo momento la data fissata era la metà di agosto, ma è stata poi fatta slittare per dare spazio a possibili trattative. All'origine della presa di posizione ci sarebbe l'atteggiamento fortemente negativo assunto dall'Unione Europea in sede di WTO, rispetto al l'introduzione in Russia di una nuova imposta sul l'importazione dei veicoli. Ovviamente però a Mosca non lo dichiarano espressamente e adducono come motivazione principale il fatto che a effettuare i controlli per conto dell'IRU è l'Asmap, un organismo giudicato poco attendibile.
Rimane il fatto che se lo scontro in atto non trovasse soluzione e quindi il regime TIR non dovesse più trovare applicazione in Russia, i traffici merci via strada verso questo paese diventerebbero più complicati e più onerosi in termini di costi e di tempi, visto che i controlli alle frontiere risulterebbero aggravati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home