ACQUISTI

MAN TGM 15.290 Euro 6: ecco il Distribution Truck

29 agosto 2013

Il mondo della distribuzione sta rapidamente evolvendo e le economie di esercizio impongono più portata senza rinunciare alla maneggevolezza. Esattamente le caratteristiche che il Man TGM esalta

Le esigenze della distribuzione si stanno evolvendo verso gli estremi: da un lato gli agili furgoni, magari elettrici o ibridi, che hanno più facile accesso ai centri storici, dall’altro camion ai limiti della gamma pesante che fanno da spola tra i grandi hub e i centri di distribuzione sul territorio fino ai supermercati. È in questa fascia di veicoli che il Man TGM è pronto a recitare un ruolo da protagonista, soprattutto con la nuova versione Euro 6 che lo vede, non solo all’avanguardia tecnologica, ma anche oggetto di un restyling riuscito.
Look accattivante, direttamente ispirato all’ammiraglia TGX, e dimensioni di una cabina che trova nell’ergonomia e nel comfort i propri punti di forza. Anche qui il family feeling con i pesanti Man è evidente, a tutto vantaggio della percezioni di qualità, con materiali di alta fascia e una sensazione di grande cura in ogni dettaglio.
Eccellente la posizione di guida, ma la penisola centrale non facilita l’attraversamento della cabina, soprattutto in presenza del terzo sedile. Se ci si concentra esclusivamente su cruscotto, volante e quadro strumenti risulta molto difficile riconoscere che si è a bordo di un TGM, tanto sono marcate le parti in comune con il TGX.

Il motore Euro 6
Ma è indubbiamente sotto la cabina che si celano le novità più importanti. I medi Man sono stati tra gli ultimi ad abbandonare la tecnologia di ricircolo dei gas di scarico EGR e ora la ritrovano in abbinamento con la riduzione catalitica dell’ossido di azoto SCR, combinazione indispensabile per rientrare nei ristrettissimi parametri di Euro 6 senza incidere sui consumi, che sono allineati, ai modelli Euro 5, con un discreto risparmio di urea. Le due tecnologie sono in abbinamento al sistema common rail, con pressione di iniezione massima di 1.800 bar, e alla rigenerazione del filtro antiparticolato HCI (Hydro Carbon Injection).
Particolare attenzione è stata riservata alle sospensioni, con le balestre paraboliche di serie, con supporti di gomma esenti da manutenzione che garantiscono il massimo comfort e un’eccellente stabilità. Da citare il sistema ManTronic che, tramite il controllo elettronico ECAS (Electronically Controlled Air Suspension), provvede a mantenere l’assetto sempre costante indipendentemente dal carico.

Le versioni
La gamma TGM ha un range di offerta da 12 a 26 t di MTT, può essere equipaggiata con i motori a sei cilindri da 6,9 litri con potenze da 250 a 341 cv e di serie dispone di un cambio manuale a 9 marce e come optional dell’automatizzato TipMatic a 12 rapporti.

(Il test del veicolo lo si può leggere sul numero di agosto/settembre di Uomini e Trasporti)

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home