ACQUISTI

Prime foto del Nuovo Opel Combo

19 luglio 2011
Il gemello del Doblò in vendita da febbraio 2012

C’è chi lo chiama già Comblò e in effetti la nuova versione dell’Opel Combo è, a seguito di un accordo tra la casa tedesca e la Fiat, il gemello del Doblò.

Niente di male, il mercato dei veicoli commerciali è ormai da anni pieno di veicoli gemelli che vanno su strada con marchi diversi. E grazie a questo accordo la Opel ha potuto rivoluzionare la sua furgonetta, che ormai dopo più di dieci anni non era al passo con la concorrenza, sfruttando le ottime doti del modello Fiat: versatilità, dimensioni, capacità di carico.

 

Le dimensioni del nuovo Combo

Costruito a Bursa, in Turchia, nella stessa fabbrica che sforna i Fiat Doblò, il nuovo Combo, in vendita a partire da febbraio 2012 in versione van e passeggeri, avrà due passi (2.755 e 3.105 mm), due lunghezze (4,39 e 4,74 m), due altezze (185 e 210 cm), un volume di carico massimo di 4,6 m3 e una portata utile fino a una tonnellata.

 

I motori

Sono sei le motorizzazioni previste per il nuovo Combo: quattro diesel, una a benzina e una a metano. Questi i diesel, con tagliandi ogni 35.000 km: 1.3 CDTI da 66 kW/90 cv; 1.6 CDTI da 66 kW/90 cv con cambio robotizzato Easytronic a 5 velocità, 1.6 CDTI da 77 kW/105 cv; 2.0 CDTI che eroga 99 kW/135 cv.

Il motore benzina 1.4 litri ha una potenza di 70 kW/95 cv, la versione CNGdi 88 kW/120 cv. Ad eccezione delle unità a metano ed Easytronic, tutte le motorizzazioni possono montare il dispositivo Start/Stop.

 

Equipaggiamento di serie

L’ equipaggiamento di serie comprende  chiusura centralizzata, servosterzo, piantone dello sterzo regolabile in altezza e profondità, finestrini elettrici e sedile del guidatore regolabile in quattro direzioni (disponibile anche a richiesta con regolazione in altezza), airbag guidatore e freni con ABS.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home