LEGGI E POLITICA

Ultimatum dell'autotrasporto al governo: senza soluzione sulle accise il 14/11 si va al fermo

6 novembre 2013

Nulla di fatto nell'incontro di oggi tra governo e associazioni dell'autotrasporto. Le proposte portate al tavolo dal sottosegretario Rocco Girlanda sono state giudicate insufficienti. Ma soprattutto rispetto al tema fondamentale, quello della riduzione dei rimborsi delle accise, quanto prospettato dal governo viene valutato addirittura deludente, al punto da divenire autentico terreno di scontro.
Unatras, infatti, in maniera compatta ha preteso una soluzione concreta del problema entro e non oltre il prossimo 14 novembre, data in cui è stato già messo in agenda un direttivo dello stesso coordinamento unitario: in quella sede, in mancanza di risposte soddisfacenti la strada obbligata sarà quella del fermo.
Di fronte a una tale prospettiva sia il sottosegretario Girlanda - che comunque si è detto sereno rispetto alla possibilità di dare soluzione a ogni problematica aperta - sia il consulente del ministro, Bartolomeo Giachino, hanno invitato tutti i rappresentanti delle associazioni a un nuovo incontro, esattamente il giorno precedente a quello fissato per il direttivo Unatras, vale a dire il 13 novembre. Così da poter sfruttare il maggior tempo possibile. Che poi sia sufficiente sarà tutto da dimostrare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home