ACQUISTI

Test EuroNCAP, 5 stelle al Ford Tourneo Connect

27 novembre 2013

L'EuroNCAP ha reso noti i risultati degli ultimi crash test che in questa occasione ha visto protagonisti anche tre modelli di cui esiste la configurazione veicolo commerciale", il Ford Tourneo Connect, il Mercedes-Benz Citan e il Volkswagen T5

Nell’ultima tornata di test dell’organizzazione EuroNCAP, che opera per migliorare la sicurezza dei veicoli, erano compresi anche tre modelli che vengono proposti sia come autovettura sia come veicoli commerciali: il Ford Tourneo Connect, il T5 di Volkswagen e il Mercedes-Benz Citan. Quest’ultimo tra l’altro era al suo secondo “esame”, voluto dalla Casa costruttrice dopo che il primo giudizio era stato solo di 3 stelle, insoddisfacente per i vertici della Stella. Sia il Volkswagen T5 che il Mercedes-Benz Citan sono stati testati nella configurazione Combi e dell’insieme dei test compiuti si possono estrapolare gli esiti validi anche per gli stessi modelli in veste di furgoni.

Il nuovo Ford Tourneo Connect (cioè la versione autovettura, a 5 posti, del Transit Connect) ha ottenuto 5 stelle, il massimo, nei test di sicurezza condotti da EuroNCAP ed è la prima volta che un modello di questo segmento ottiene le 5 stelle. Ha ottenuto un punteggio generale dell’83%, conquistando anche un rating del 94% per la protezione degli adulti a bordo, nel crash test frontale ha ottenuto un voto di 11,9 punti. Nello specifico delle conseguenze del test i manichini di EuroNCAP hanno fatto esprimere una valutazione “marginale” sulla protezione della parte alta delle gambe e del torace (“marginale” è il giudizio intermedio tra i cinque con cui EuroNCAP definisce gli esiti dei test). Ciò vale sia per il conducente che per il passeggero. Negli urti laterali i giudizi sono stati di 8 punti per l’impatto con un’altra auto e di 6,6 punti per quello contro il palo. Buono il comportamento in entrambi i casi. Al contrario solo “marginale” è stata la protezione in caso di tamponamento per quel che riguarda il classico “colpo di frusta”: 2 i punti ottenuti. Infine, per quanto riguarda la “aggressività” del modello nei confronti dei pedoni in caso di urto, il Ford Connect ha ottenuto 16,2 punti per quanto concerne i danni alla testa, 0,3 punti per la zona del bacino e 6 punti per le gambe.

Il Mercedes-Benz Citan è stato riportato sotto la lente dell’EuroNCAP dopo che qualche mese fa ne era uscito con un giudizio di sole 3 stelle. La struttura evidentemente è la stessa, con i manichini che hanno rivelato una protezione appena marginale per il torace del conducente nel crash test frontale. Problemi analoghi c'erano nell’urto contro il palo, però, grazie ai miglioramenti apportati in tema di dotazione di sicurezza (soprattutto gli airbag laterali), il modello Mercedes-Benz questa volta ha ottenuto una stella in più. Il giudizio è anche migliorato per l’adozione del reminder delle cinture di sicurezza posteriori, che per i Citan furgoni non ha incidenza.

Il terzo veicolo commerciale a essere stato considerato è il Volkswagen T5. Anch’esso ha ottenuto 4 stelle anche se con risultati meno brillanti rispetto a quelli del Mercedes-Benz Citan. In pratica si può dire che già le quattro stelle sono state conquistate per il rotto della cuffia. Degli undici veicoli valutati è quello che risulta con la media più bassa, ottenendo soltanto il 60,5% dei voti disponibili. In ciò pesa molto la valutazione bassa avuta alla voce pedoni, dove il Volkswagen T5 non riesce ad avere più del 32% dei voti disponibili. Una valutazione molto più bassa rispetto a quella degli altri veicoli. Ciò, assieme alle votazioni non alte delle altre voci, ha portato al risultato citato. Per quel che riguarda le conseguenze dei crash test sugli adulti, l’EuroNCAP mette in evidenza che nell’urto frontale la protezione è stata “marginale” per parte alta delle gambe e per torace sia per chi è al volante che per il passeggero. Negli urti laterali, a essere marginale è invece la protezione nel test contro il palo, anche in questo caso per quel che riguarda il torace. Marginale è anche l’efficacia protettiva nei tamponamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home