ACQUISTI

L'ungherese Waberer ordina 600 nuovi DAF

5 dicembre 2013

Waberer's International Pte.Co ha ordinato il consistente numero di trattori DAF all'interno di un programma globale di rinnovamento della sua flotta di 3.000 mezzi. Consegnati ora i primi 250 veicoli presso il quartier generale di Eindhoven, gli altri lo saranno entro la prima metà del prossimo anno

Waberer's International Pte.Co, importante azienda di logistica ungherese, inserisce in flotta 600 nuovi veicoli a marchio DAF. Con filiali operanti in Polonia, Germania, Romania e Slovacchia e attiva in tutta Europa, la Waberer muove una flotta di 3.000 camion e rimorchi ed effettua ogni anno circa 1,2 milioni di commissioni di merci su 400 milioni di chilometri in tutta Europa. Il 30% dei veicoli in flotta è a marchio DAF e la scelta per questa importante commessa è ricaduta sul marchio olandese per «l’affidabilità del veicolo,l’alta qualità, il basso costo di manutenzione, le cabine spaziose e confortevoli, che sono di grande valore nell'ambito del trasporto a lunga distanza», ha dichiarato Gyorgy Waberer, presidente e CEO di Waberer. 

Nello specifico, i 600 veicoli si compongono di 150 CF per i trasporta a medio raggio e 450 XF per la lunga distanza, di cui un terzo Euro 6, che verranno consegnati nella prima metà del prossimo anno. Oltre ai nuovi motori puliti ed efficienti Euro 5 EEV ed Euro 6, i veicoli sono dotati dei più recenti sistemi di comfort e di sicurezza, come ad esempio il sistema di avviso di deviazione dalla corsia. «Per avere successo sul mercato internazionale dobbiamo in primo luogo offrire ai nostri clienti la massima affidabilità di consegna a prezzi favorevoli - ha aggiunto Waberer - Per garantire il funzionamento più economico possibile, la nostra età media della flotta è soli 2 anni. Una flotta giovane e moderna è fondamentale per espandere ulteriormente la nostra presenza in Europa occidentale, ci aspettiamo una crescita percentuale a doppia cifra nelle vendite di quest'anno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home