UFFICIO TRAFFICO

Il ministero degli Interni ricorda le regole che deve seguire chi protesta

8 dicembre 2013

Il 9 dicembre si preannuncia come una data calda. Ecco perché dal ministero degli Interni si stanno muovendo per fronteggiare eventuali disagi. Oltre ad anticipare la ripatenza dei veicoli sopra le 7,5 ton alle 18 è stata anche diramata una direttiva firmata dal Capo di Gabinetto dell'Interno, il Prefetto Luciana Lamorgese, che sottolinea come tutte «le manifestazioni devono svolgersi entro i limiti previsti dai codici di autoregolamentazione di settore, nel rispetto della corretta prospettazione delle posizioni di chi protesta ma anche del diritto alla libertà di circolazione delle altre categorie degli utenti della strada».
La direttiva è stata inviata a tutte le Prefetture per portarla a conoscenza anche delle associazioni in protesta, specificando che i veicoli di ogni tipo, trattori o camion, non vanno usati per i presidi, pena l'arresto e il sequestro degli stessi. Sempre rispetto ai presidi la direttiva invita ad attenersi ai termini di preavviso comunicati, sia per quanto riguarda i tempi di svolgimento, sia rispetto al numero dei partecipanti.
Infine, c'è il divieto di non bloccare aree finalizzate al transito di persone e veicoli leggeri, di non tenere comportamenti in grado di compromettere la sicurezza o il transito dei veicoli, di usare fumogeni e segnalatori luminosi o strumenti acustici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home