LEGGI E POLITICA

Fatture di trasporto a 30 giorni: c’è un emendamento nella legge di Stabilità

14 dicembre 2013

«La V commissione della Camera dei deputati ha approvato l’emendamento che elimina ogni dubbio interpretativo circa i limiti temporali per il pagamento delle fatture da parte della committenza, vedendo così compiuto un altro dei punti più importanti del protocollo di intesa firmato lo scorso 28 novembre con le associazioni dei vettori». Lo ha dichiarato in una nota Rocco Girlanda, sottosegretario alle Infrastrutture e trasporti, commentando l’approvazione dell’emendamento a firma Vignali-Saltamartini, fortemente sostenuto dal governo, che elimina le parole «deve avvenire entro e non oltre la fine del mese in cui sono svolte le prestazioni di trasporto» dal comma 12 dell’art. 83-bis dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. «In questo modo - sottolinea Girlanda - viene ricondotto il trattamento relativo al pagamento dell’Iva da parte degli autotrasportatori nell'ambito delle disposizioni del Dpr 26 ottobre 1972, numero 633, così che i soggetti in questione possono effettuare le liquidazioni Iva con cadenza trimestrale».

«Un passo in avanti per rendere più certo il pagamento della fattura a 30 giorni, evitando che l’autotrasportatore venga sanzionato – ha commentato Paolo Uggè, presidente di Fai-Conftrasporto – Altrettanto positiva la possibilità dell’utilizzo delle forme di pagamento in via informatica. Richiesta da sempre sostenuta da Confcommercio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home