UFFICIO TRAFFICO

Il gasolio aumenta di 0,4 cent dal 2014. Ma in realtà già da prima

30 dicembre 2013

Dopo la festa, un grande mal di testa. La festa ovviamente è quella di capodanno. Il mal di testa, quello indotto dai tanti aumenti che, puntuali come un debito, si presentano con il nuovo calendario. Oltre ai consistenti aumenti dei pedaggi autostradali, infatti, anche per i carburanti si prospettano rincari. Meno consistenti, ma comunque concreti. Per la precisione l’aumento sarà determinato da una nuova accise di 0,4 centesimi, finalizzata a finanziare la credit tax cinema, vale a dire le agevolazioni fiscali al settore cinematografico. Incremento che, vista la strutturalità del rimbordo delle accise, alle aziende di autotrasporto verrà restituita su base trimestrale.
L’incremento non appare molto ingente, ma in realtà un’infiammata dei prezzi dei carburanti – questi non rimborsabili – c’è già stata negli ultimi 15 giorni. Mediamente calcolando i prezzi alla pompa l’incremento medio per il gasolio è stato di circa il 2,33%.
La ragione di questa imfiammata – dicono ai maligni – è un film già visto, anzi «il» film di Natale, quello cioè che proiettano ogni anno le rete di distribuzione adottando aumenti in vista degli spostamenti di massa sulle strade. Aumento che in questo caso ha di fatto già assobrito buona parte degli aumenti che sarebbero dovuti scattare dal 1° gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home