LOGISTICA

Raccordo ferroviario all'Interporto di Orte

15 gennaio 2014

In questi giorni è stato sottoscritto un contratto con RFI che permetterà all’Interporto di Orte di fornire i servizi ferroviari grazie all'allaccio con la rete ferroviaria nazionale.
«Abbiamo stipulato il contratto di raccordo e di esercizio con Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., del Gruppo Ferrovie dello Stato – ha dichiarato Carmelo Cardo, consigliere delegato della Interporto Centro Italia Orte Spa –. Questo passaggio, fondamentale ed epico per lo sviluppo dell’Interporto, consentirà di allacciarsi alla rete ferroviaria nazionale e di conseguenza di attivare i servizi di intermodalità per il trasporto delle merci».
Un passo molto importante, anche perché in Italia sono ancora poche le realtà logistiche che vantano un allaccio ferroviario, ma ancor di più perché quella di Orte è l’unica realtà della regione Lazio e del Centro Italia.
«Il contratto sottoscritto a Roma – continua Cardo – rappresenta il tassello che ci mancava per dare avvio al nuovo scalo merci. Ciò significa che, concluso l'iter burocratico, porteremo a compimento la costruzione del terminal ferroviario completamente moderno e all'avanguardia dal punto di vista delle tecnologie. Ciò avverrà per concentrare l'attività in hub più strutturati secondo gli standard europei che prevedono fasci di binari lunghi 900 metri. Secondo quanto era già stato definito nel nostro business plan, il primo step sarà quello di portare nell’Interporto almeno una coppia di treni al giorno indirizzandoci verso una clientela che ha bisogno di far partire merci diffuse anche in singoli vagoni. Convogli poi che possono essere raggruppati con quelli di altri clienti lungo la direttrice che li porta a destinazione. Per far questo stiamo intrecciando una serie di relazioni con i Porti e altri Interporti del nord Italia per migliorare il trasferimento su treno delle merci destinate alle lunghe percorrenze, come il Nord e l'Est dell'Europa».
È degli giorni scorsi inoltre la richiesta avanzata al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’approvazione del progetto di ampliamento dell’interporto stesso, che prevede ulteriori cinque binari che andranno a decongestionare il traffico delle merci del Centro Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home