ACQUISTI

Dakar 2014. Podio per Karginov, seguito da De Rooy

19 gennaio 2014

Anche quest’anno i russi con i loro Kamaz salgono sul gradino più alto di questa faticosissima Dakar

Andrey Karginov ha vinto la Dakar 2014. Il trentasettenne pilota russo (nato a Naberezhnye Chelny, seconda città della repubblica russa del Tartastan), alla sua quarta Dakar, con il suo team composto da Andrey Mokeev e Igor Devyatkin, al comando del Kamaz n° 506, è passato alla testa della corsa nella terz’ultima tappa, dopo essere stato dalla quinta alle spalle dell’Iveco Powertrain del team De Rooy-Colsoul-Rodewald che sulle dune sabbiose del deserto cileno aveva preso un buon vantaggio, poi perso nel finale a causa della foratura di uno pneumatico. Minuti preziosi che hanno consentito al team russo di invertire la gara e imporsi al comando.
Karginov succede così al compagno di squadra Nikolaev (partito come favorito e arrivato terzo in questa edizione) con al suo attivo tre successi di tappa ma sopratutto una seconda parte di gara in cui ha spinto al massimo e che gli ha consentito di salire sul gradino più alto del podio di Valparaiso.
Iveco e Gerard De Rooy portano comunque a casa un importante secondo posto, con un divario dal vincitore Karginov di soli 3'11". Tre i mezzi Iveco nelle prime dieci posizioni.

LA CLASSIFICA (I PRIMI 10)

  1. Karginov                    KAMAZ           55:00:28 hours
  2. Gerard de Rooy         IVECO            at 3:11 minutes
  3. Nikolaev                     KAMAZ           at 1:34:52 hours
  4. Sotnikov                     KAMAZ           at 3:22:10 hours
  5. Shibalov                     KAMAZ           at 4:37:25 hours
  6. Loprais                      TATRA            at 5:04:01 hours
  7. Hans Stacey               IVECO            at 5:14:57 hours
  8. Kuipers                       MAN                at 6:31:08 hours
  9. Van Vliet                     MAN                at 7:06:53 hours
  10. Pep Vila                      IVECO            at 7:53:35 hours
  11. Jo Adua                      IVECO            at 22:18:58 hours


© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home