LEGGI E POLITICA

Il Parlamento europeo cambia i cronotachigrafi per ridurre le frodi

20 gennaio 2014

Il Parlamento Europeo ha approvato l’accordo raggiunto nel maggio 2013 con il Consiglio Ue sulla nuova generazione di cronotachigrafi digitali chiamati a equipaggiare i camion. La riforma del regolamento serve essenzialmente ad arginare le frodi, valutate in clamoroso aumento. Pensate che, stando ai dati della Commissione, esistono almeno 45 mila veicoli che eludono le disposizione sui tempi di guida e di riposo.

La palla passa adesso alla Commissione Ue chiamata a definire le specifiche tecniche degli apparecchi che registrano i tempi di guida e di lavoro degli autisti, sulla base dei criteri approvati dall’Europarlamento. Si prevede che la nuova generazione di cronotachigrafi diventerà obbligatoria entro tre anni per i mezzi di nuova immatricolazione ed entro quindici anni per tutti i veicoli circolanti nel territorio comunitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home