UFFICIO TRAFFICO

Camion contromano sulla E45 per 9 km: l’autista non si accorge di nulla

4 febbraio 2014

La E45 non è una strada facile. Buche, lavori, traffico possono renderla insidiosa. Però quanto è accaduto la scorsa notte a un camion in transito nella zona di Pieve Santo Stefano è veramente ingiustificabile.

I fatti sono presto detti. Un autoarticolato proveniente da Cesena con due autisti a bordo rimane evidentemente spiazzato in prossimità di Città di Castello a causa di alcuni lavori con relativo scambio di carreggiata. Così, l’autista che era alla guida invece di proseguire in direzione Sud imbocca la carreggiata verso Nord e va via placido. Talmente placido che arriva a percorrere oltre 9 chilometri contromano e addirittura imbocca anche una galleria senza rendersi conto di nulla.

Per fortuna ad assistere al loro passaggio c’è un agente di polizia fuori servizio, che però vista la gravità della scena subito avverte i suoi colleghi in servizio. Tempo pochi minuti il camion è individuato e fermato.

Il finale, però, non è quello solito. Non c’è nessun autista ubriaco, né in preda a chissà quali sostanze. C’era un povero cinquantenne che, evidentemente stanco ma perfettamente lucido (all’alcol test è risultato negativo), ha imboccato la carreggiata sbagliata. E peraltro, la cosa gli costerà la revoca della patente, oltre al fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

A proposito, a bordo c’era anche un altro autista, che stava dormendo placidamente quando il veicolo è stato fermato dagli agenti. E lui, dopo aver sgranato gli occhi e aver sentito il racconto di quanto avvenuto, ha guardato i due poliziotti dritto negli occhi e ha esclamato: «Grazie mille, vi sono veramente molto grato!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home